cerca CERCA
Sabato 15 Gennaio 2022
Aggiornato: 23:06
Temi caldi

Il sondaggista Piepoli: "Vince astensionismo e si va verso tiranno in regno indifferenti"

05 ottobre 2021 | 14.27
LETTURA: 2 minuti

"Siamo in epoca prefascista. Ultimo democratico è la coppia Mattarella Draghi. Per una costituzione repubblicana che maschera regno, come in Francia, servono 50 anni

alternate text

"Il vero votante è stato l'astensionista. Siamo in un'epoca prefascista. Il prossimo eletto sarà un falso democratico, cioè un tiranno travestito da democratico". E' lapidario Nicola Piepoli, sondaggista, presidente e amministratore delegato dell'Istituto Piepoli che discorrendo con l'Adnkronos del risultato delle amministrative e al consistente numero di astenuti dal voto guarda al futuro della Repubblica e presagisce: "L'ultimo democratico è la coppia Draghi - Mattarella. Dopo di loro si torna all'autocrazia, cioè lo spirito democratico se ne andrà. L'indifferenza alla politica emersa dal voto è un fatto gravissimo. Denuncia il disamore del cittadino, quindi il disinteresse alla partecipazione".

"L'astensionismo è generalizzato. La gente si sente offesa dalla mala gestione, dai candidati proposti, in media stavolta abbastanza buoni ma non tali da muovere il sentimento. Così ci sarà un intramezzo, in cui regnerà l'indifferenza, come se ci fosse Moravia al potere. Ma prima o poi qualcuno dovrà occuparsi della politica. Ed ecco che il tiranno uscirà naturalmente e saremo governati da un re autocrate - allerta Piepoli - Oppure, come mi auguro, da un sovrano democratico attraverso una costituzione repubblicana che maschera il regno, come avviene in Francia, paese democratico governato da un re, il titolare dell'Eliseo.

"Tuttavia l'evoluzione della Repubblica in regno senza re, quindi in democrazia a forte vocazione presidenziale, è un processo lento, ci vorranno 50 anni", constata Piepoli. Mentre la crescita dell'astensionismo dunque dell'indifferenza alla politica "che è il centro della vita" è galoppante: "nel 1946, quando per la prima volta ho accompagnato mia madre a votare, l'affluenza era del 96%; poi è scesa al 92% nel 1948, si è assestata su valori alti fino al 1975, poi è precipitata velocemente". Il rischio imminente? "Un tiranno in un regno d'indifferenti".

(di Roberta Lanzara)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza