cerca CERCA
Venerdì 23 Luglio 2021
Aggiornato: 23:18
Temi caldi

Il Talmud babilonese tradotto per la prima volta in italiano

05 aprile 2016 | 19.39
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Adnkronos)

Il Talmud Babilonese, testo fondamentale della tradizione ebraica, tradotto per la prima volta in italiano. Il primo volume dell'opera, Trattato di Rosh haShanà, è stato presentato nella sede dell'Accademia dei Lincei e la prima copia è stata consegnata nelle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il Progetto di Traduzione del Talmud Babilonese nasce nel gennaio del 2011 con il protocollo d’intesa firmato da Presidenza del Consiglio dei Ministri, Miur, Cnr e Ucei. Da allora un team di traduttori esperti, traduttori in formazione, revisori editoriali e informatici, grazie al software 'Traduco' - sviluppato dall’Istituto di Linguistica Computazionale del Cnr di Pisa - lavora all’edizione italiana del Talmud, edita da Giuntina.

Grazie a questa opera di traduzione dall’aramaico all’italiano, la cultura del popolo ebraico potrà essere studiata da chiunque voglia conoscerne la sapienza, le tradizioni, gli insegnamenti dei maestri, gli usi e i costumi, tramandati di generazione in generazione. Dalle norme di vita civile agli argomenti scientifici, sono gli spunti offerti dal Testo, per molti versi attuale, sebbene scritto tra il II e il V secolo. Il Trattato di Rosh haShanà è solo il primo dei 36 trattati che saranno tradotti.

“Il Progetto Traduzione Talmud Babilonese - spiega il direttore Clelia Piperno - è l’unica opera comparabile ai Codici di Leonardo con le sue macchine volanti. Noi abbiamo costruito con i traduttori e gli informatici una navicella che sta esplorando lo spazio della Conoscenza dall’aramaico attraverso la dimensione spazio-temporale delle lingue antiche; Traduco è il nome del navigatore dell'astronave, in cui gli astronauti sono 90 tra informatici e traduttori".

"Questi ultimi stanno dimostrando che una comunità colpita anche nella sua capacità culturale dalle leggi razziali del ’38, privata di tutti gli strumenti della cultura, espulsa da tutti i gradi del sistema scolastico, vede riconosciuto il proprio diritto all’identità culturale non come forma d’impossibile risarcimento, ma come rinascita di conoscenza. Oggi, 2016, in Italia esce il primo volume digitalizzato del Talmud Babilonese - sottolinea - siamo convinti che saranno numerosi gli italiani che desiderano affrontare la sfida di conoscenza che abbiamo lanciato".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza