cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 15:44
Temi caldi

Maltempo: il vademecum, catene e gomme invernali a portata di volante

02 febbraio 2015 | 18.29
LETTURA: 4 minuti

Motorionline: "Occhio al ghiaccio e alle multe".

alternate text

Neve, ghiaccio, catene, gomme invernali e multe. Il maltempo può rivelarsi un vero e proprio rompicapo per gli automobilisti, per questo Motorionline ha realizzato un vademecum per sapere come regolarsi prima di mettersi al volante. "Fino al 15 aprile -specifica- c'è l'obbligo di avere le catene a bordo. Un obbligo che non vale per quelle regioni dove quasi mai la temperatura scende al di sotto dei 7°, ovvero il limite ideale oltre al quale è altamente consigliabile montare le gomme invernali".

"Non stiamo parlando -avverte- di vere e proprie gomme da neve di livello sportivo, un equivoco che potrebbe portare molti a credere di non averne bisogno perché magari vivono in una città dove le strade vengono spazzate regolarmente".

"Le gomme invernali -precisa- consentono di mantenere il controllo in numerose condizioni, soprattutto in caso di ghiaccio sulla strada (invisibile e per questo ancora più pericoloso). Per riconoscerle è più che sufficiente -suggerisce Motorionline- fare un veloce controllo dei dati impressi sulla spalla: se trovate il simbolo stilizzato di un fiocco di neve e la marcatura M+S, allora significa che avete a che fare con pneumatici ottimizzati per la stagione fredda (se però sono già montati sulla macchina, allora attenzione, perché l’utilizzo durante la stagione calda potrebbe averle consumate fino a renderle inefficaci o pericolose). In caso contrario, è necessario procurarsele o almeno avere delle catene da neve a bordo".

"Le catene da neve sono equiparate -ricorda- alle gomme invernali a termini di legge, ma il comportamento da tenere con esse non è il medesimo. Se con le gomme invernali si può guidare quasi nello stesso modo in cui si guida d’estate (anche se entro certi limiti), con le catene non si possono superare i 50 km orari. Vanno, inoltre, immediatamente rimosse non appena il manto stradale lo permette".

Quando si parla di catene invernali, non si può certo ignorare il capitolo multe. "Le multe sono dietro l’angolo -continua- e se le forze dell’ordine lo ritengono necessario, è persino possibile trattenere un veicolo finché non viene messo in regola dal proprietario".

"Per essere sicuri se nel proprio comune viga l’obbligo di montare le gomme invernali è più che sufficiente -suggerisce Motorionline- collegarsi al sito del comune o chiedere al commissariato di polizia locale. In generale, anche una valutazione oggettiva delle condizioni climatiche può aiutare ma, se non volete rischiare, è sempre meglio rivolgersi alle istituzioni. Occorre prestare grande attenzione anche durante i viaggi, durante i quali potreste incontrare obblighi magari non vigenti nel luogo dove si ha la residenza".

"E' consigliabile, appena possibile, fare una prova -afferma- di montaggio delle catene nella tranquillità della propria strada o garage. Aiuterà molto nel momento in cui si dovrà effettuare la stessa operazione sotto una fitta nevicata. La multa per chi venisse colto in 'flagranza di reato' è di 84 euro, che viene ridotta a 58 euro qualora venisse pagata entro cinque giorni dall’atto di contestazione".

"Oltre alla multa pecuniaria -osserva- ci sarà anche l’obbligo di arresto del veicolo che potrà essere ripreso solo dopo aver dotato l’auto di gomme invernali oppure di catene. Nei centri abitati la multa è di 41 euro, ma possono essere contestate in aggiunta infrazioni per guida pericolosa, che prevedono multe da 39 euro a salire, con perdita di punti dalla patente".

"Fortunatamente in Italia -ricorda- le statistiche degli ultimi anni dicono che gli pneumatici invernali sono montati su circa il 25% delle automobili in circolazione".

"Gli pneumatici invernali sono un dispositivo di sicurezza -rimarca Motorionline- molto utile già a basse temperature e non comportano una spesa aggiuntiva rispetto alle sole gomme estive, perché quando si circola con le invernali non si consuma l’altro treno di gomme, e viceversa".

"Nonostante vengano normalmente chiamate 'gomme da neve' -sottolinea- la loro particolare mescola, più morbida rispetto a quella degli pneumatici estivi, è garanzia di maggiori prestazioni già sotto i 7 gradi, in quanto la mescola si mantiene più elastica aderendo così meglio all’asfalto".

"Gli pneumatici invernali, inoltre, hanno un disegno del battistrada -riferisce- composto di tasselli molto sporgenti e speciali lamelle, fatte apposta per riempirsi di neve, che garantiscono una maggiore trazione e una migliore tenuta sui fondi innevati perché l’attrito tra neve e neve è più forte di quello tra la neve e la gomma".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza