Cerca

Consegne a domicilio di cannabis legale… e il mercato cresce

Comunicato stampa

ECONOMIA E FINANZA
Consegne a domicilio di cannabis legale… e il mercato cresce

Roma, 15 Aprile 2020. Nel corso degli ultimi due anni il mercato della cannabis light è metaforicamente esploso: solo in Italia sono più di 10mila gli addetti ai lavori, mentre le aziende agricole coinvolte sono 800 e altre 1500 sono le imprese dell’indotto che si occupano della trasformazione della canapa e della sua distribuzione sul mercato. Nel complesso il fatturato supera i 150 milioni di euro, e buona parte del merito di questa escalation deve essere riferita alla legge n. 242 del 2016, che ha contribuito a regolamentare il settore e a disciplinarlo con criterio. Nel frattempo il tema della cannabis light non è più uno spauracchio, ma è stato sdoganato in modo quasi definitivo: ecco perché i cannabis shop si moltiplicano, mentre i grow shop aumentano gli affari anche grazie a servizi innovativi, tra i quali le consegne a domicilio, effettuate in modo anonimo e i tempi rapidi.


Il successo del mercato

Da quando la canapa è stata approvata dal punto di vista legale, il commercio dei prodotti correlati nel nostro Paese è aumentato in modo significativo, coinvolgendo in modo particolare le grandi città; va detto, però, che a mano a mano che il tempo passa la distribuzione sta diventando progressivamente più capillare. Pullulano, così, i negozi specializzati, in molti casi a singola vetrina e di piccole dimensioni, in cui vengono posti in commercio i prodotti derivati dalla canapa sativa.

La legge del 2016

La legge del 2016 è quella che ha aperto le porte, almeno nel nostro Paese, alla crescita del mercato. Lo scopo di questa legge, per altro, non ha implicazioni solo economiche, ma anche etiche: ci si propone di diminuire l’impatto ambientale determinato dalle coltivazioni, la desertificazione e il consumo di suolo attraverso la promozione della filiera della canapa. La marijuana legale per essere messa in vendita in Italia deve presentare una concentrazione di THC non superiore allo 0.2%. Si tratta di un limite che non si applica unicamente alla cannabis, ma che riguarda anche i suoi prodotti derivati, quali i semi e gli oli; va detto, in ogni caso, che i derivati già di per sé hanno una concentrazione modesta di THC.

Le consegne a domicilio

E così dal food delivery si è potuti passare al marijuana delivery, con consegne a domicilio che hanno riscontrato un grande successo anche perché la privacy e l’anonimato dei clienti vengono rispettati con la massima attenzione. In effetti, a dispetto dell’approvazione a livello legale sono ancora in tanti a pensare alla marijuana come a un tema tabù: una circostanza che è frutto sia di una cattiva informazione che dei pregiudizi. Prima che venissero messe a disposizione le consegne a domicilio, coloro che volevano comprare i prodotti a base di CBD si sarebbero potuti sentire abbastanza inibiti decidendo di entrare in prima persona in un canapa shop.

Come avviene il marijuana delivery

La consegna a domicilio in questo ambito è una nuova idea di business di enorme successo, non a caso capace di attirare una platea di potenziali clienti e di ottenere fette di mercato sempre più ampie. Il servizio delivery non serve solo a differenziarsi rispetto ai competitor, ma è stato utile anche per imprimere una notevole accelerata al settore. L’ordine degli articoli che si è intenzionati a comprare può essere effettuato direttamente tramite Internet; in base al servizio scelto, poi, il tempo richiesto per la consegna può variare, ma quello che più conta è che il pacco che viene recapitato è completamente anonimo.

Quali sono i prodotti derivati della canapa

A livello industriale, la canapa si presta a una grande varietà di potenziali utilizzi: vi si può ricorrere, per esempio, per la produzione di carta di qualità o di imballaggi, ma anche per ottenere combustibili o materie plastiche. Praticamente tutte le parti della pianta vengono sfruttate, anche per scopi alimentari: dai semi, infatti, si ottengono l’olio e la farina. Dal punto di vista nutrizionale i semi di canapa hanno caratteristiche eccellenti, perché garantiscono un equilibrio perfetto di omega 3 e omega 6, ma anche un

apporto elevato di minerali e di vitamine. Sono tante le sostanze presenti che hanno effetti benefici dal punto di vista della salute, per esempio in virtù delle loro proprietà antinfiammatorie. Non è un caso che i semi di canapa sativa vengano impiegati sempre più di frequente nei regimi alimentari vegani e vegetariani.

La concentrazione di THC

Per chi se lo stesse domandando, il contenuto di THC all’interno dei semi di canapa è praticamente nullo: di conseguenza non si corre il rischio di avere a che fare con effetti psicoattivi. Insomma, questi semi possono essere consumati quando e come si vuole, senza problemi e senza controindicazioni, anche perché rappresentano una fonte di proteine eccellente. Al di là delle proprietà antinfiammatorie, essi svolgono anche un’azione antiossidante, e sono molto preziosi per la salute del cuore e del sistema circolatorio.

Come si usano i semi di canapa in cucina

I semi di canapa che si trovano in vendita possono essere di due tipi: decorticati o integrali. In cucina essi sono adatti ad arricchire e valorizzare un gran numero di pietanze: i biscotti e i prodotti da forno salati, ma anche le torte, le insalate e le zuppe. Si può decidere se consumare i semi di canapa così come sono, al naturale, o se invece tostarli, per esempio come si farebbe con i semi di zucca. Il loro sapore è molto piacevole e può ricordare quello della nocciola: ecco perché si potrebbe ipotizzare di preparare un pesto alla canapa, ma anche salse o frullati.

La farina di canapa

Un altro prodotto alimentare che viene ricavato dai semi di canapa sativa è la farina, che si ottiene dalla macinatura. Le proprietà nutrizionali sono uguali a quelle dei semi interi: così, si può scegliere di usare la farina di canapa per fare il pane in casa, per cucinare dei biscotti o per preparare una torta, come se si avesse a che fare con una farina di qualsiasi altro genere.

Comprare la cannabis light online su Weedzard

Puoi acquistare cannabis con THC nei limiti imposti dalla legge, quindi 100% legale, sul sito di Weedzard. La cannabis light di questo e-commerce è biologica e naturale, selezionata da semi di cannabis sativa certificati. Le consegne sono veloci e le spedizioni anonime. Oltre alla cannabis light ad alto cbd il sito propone prodotti per il benessere, proponendo anche una linea di prodotti pet per il benessere dei cuccioli di casa.

DATI DI CONTATTO

Weedzard srl via Alessandria, 129 00198 Roma

https://theweedzard.com/

Responsabilità editoriale: Img Solutions srl per Optimamente srl