Cerca

Strip led e consumi di energia elettrica: numeri, motivi e soluzioni

Comunicato stampa

ENERGIA
Strip led e consumi di energia elettrica: numeri, motivi e soluzioni

Milano, 27/03/2020 - Il consumo energetico è uno fra i tanti problemi che, a livello globale, non è ancora risolvibile. Negli ultimi decenni, le risorse non rinnovabili, come carbone, petrolio e gas naturali, sono arrivate ai minimi storici. Nelle mura domestiche, invece, si può, tramite vari accorgimenti, diminuire notevolmente, comportando un risparmio economico non indifferente per le famiglie e aiutando anche a ridurre il consumo di energia mondiale.


In molte case, l'utilizzo di vecchi elettrodomestici e lampadine ormai antiquate porta le bollette elettriche alle stelle. Oltre a questo, sono presenti comportamenti sociali errati ma radicati che difficilmente vengono abbandonati. Esistono, però, piccoli accorgimenti e misure per evitare di trovare un conto estremamente salato in bolletta.

Sarebbe opportuno valutare ogni offerta di fornitura elettrica presente sul mercato, scegliendo la tariffa più conveniente. Molte società permettono contratti personalizzati a seconda dei consumi, ma è sempre bene controllare che l'operatore selezionato produca buona parte di energia green o, quantomeno, si impegni a ridurre l'impatto inquinante delle sue aziende.

Luci di casa, lampade e strip led come soluzione

Molto spesso, quando si parla di consumi, si va ad imputare il problema principalmente all'utilizzo elevato di elettrodomestici, sottovalutando le luci presenti in casa e il loro utilizzo. Il primo suggerimento è quello di utilizzare lampadine e strip led o a basso consumo energetico che, rispetto alle tradizionali ad incandescenza (ormai quasi fuori dal mercato), consumano circa l’80% in meno. Sono in grado di durare 25 volte in più e riescono a dare un contributo all'ambiente grazie alle ridotte dimensioni.

Altro consiglio, apparentemente banale, è quello di evitare di lasciare le luci accese in stanze vuote o quando si esce di casa. Grazie a questo piccolo accorgimento, è possibile risparmiare il 30% in consumi annui, che non sono pochi spiccioli. In alcune case, si vedono dei fantastici elementi di design luminoso, alcuni di questi, seppur dall'aspetto accattivante e moderno, consumano molta energia elettrica. Si invita a scegliere la funzionalità rispetto al design in materia d'illuminazione.

Disposizione delle luci in casa

Il posizionamento delle luci è fondamentale per evitare sprechi. Illuminare in modo equilibrato tutti gli angoli di casa permetterà di rendere l'ambiente confortevole. Questo sistema viene definito come illuminazioni a strati. Si utilizza un lampadario come fonte di luce generale e uno o più elementi direzionali per illuminare le zone più utilizzare. Per sfruttare al meglio l'illuminazione, è importante differenziarla a seconda del tipo di ambiente.

I faretti e le strisce o strip led sono consigliati nelle zone più frequentate come cucina, salotto e nei servizi, perché illuminano in angoli precisi, evitando che si usi l’illuminazione generale quando non serve una fonte luminosa eccessiva. Anche il posizionamento degli interruttori non è una questione da sottovalutare: se inseriti nei posti più comodi, renderà molto semplice spegnere la luce limitandone i consumi.

L'utilizzo degli specchi è molto consigliato poiché, grazie alla loro capacità riflettente, rendono le stanze più luminose. Infine, per gli armadi e per i mobili della cucina, è consigliabile applicare dei microswitch, apparecchi che si posizionano sulle cerniere delle ante e si accendono in automatico quando si apre lo sportello. Questo permetterà di trovare immediatamente ciò che si cerca, consumando pochissima energia. Evitare l'utilizzo di troppi faretti, soprattutto se servono per illuminare quadri e mensole.

Installazioni per il controllo delle luci

Esistono diversi dispositivi per il controllo delle luci, molto semplici da utilizzare e da applicare:

· Dimmer, permettono di modificare e regolare l'intensità della luce in ogni singola stanza, risparmiando energia quando è possibile. Solitamente, possono variare il colore in modo da ottenere sempre l'atmosfera perfetta;

· Timer, la cui installazione crea sensibili risparmi, avendo la possibilità di impostare l'orario di spegnimento e accessione delle luci. Con i modelli più moderni, si possono controllare le singole stanze o l'intera casa.

Elettrodomestici e temperatura degli ambienti

Oltre all'illuminazione, la scelta degli elettrodomestici è molto importante. La loro classe energetica, stabilita tramite dei test di consumo, va dalla G, con i consumi più alti, alla A+++, con minori consumi e impatto ambientale minimo. Un elettrodomestico di prima classe costa, ovviamente, di più ma permetterà di ammortizzare i costi con le minori spese in bolletta nel futuro.

Per evitare un ampio consumo energetico in inverno, è bene limitare la dispersione di calore verso l'esterno. A questo servono i termostati della caldaia che possono regolare la temperatura dell'acqua dell'impianto di riscaldamento e di quella sanitaria. Lo stesso problema può apparire in estate. In questo caso, il sovra utilizzo dei condizionatori può generare alti consumi. Gli sbalzi termici possono creare disagi sanitari di varia natura e aumentano il dispendio energetico.

Per informazioni:

Luceled è una delle principali aziende italiane di illuminotecnica e design: l’attenzione dell’azienda è posta sulla qualità del prodotto e sul risparmio permesso dalle soluzioni LED, che fanno di Luceled il punto di riferimento del settore LED in Italia. L’e-commerce Luceled.com è uno dei più attivi online, grazie a un team preparato e alla completa disponibilità dei prodotti in magazzino, garantendo consegne rapidissime, sia ai privati che alle ditte. Questo coordinamento è risultato così efficace in breve tempo, che sono nate le espansioni estere di Luceled Spagna e Luceled Germania.

Tel: 800 586373