cerca CERCA
Lunedì 27 Settembre 2021
Aggiornato: 07:03
Temi caldi

In fuga dalla guerra, nel mondo 28 milioni di bambini costretti a lasciare le loro case

07 settembre 2016 | 09.00
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)

Sono circa 28 milioni i minori che sono stati costretti a lasciare le loro case in seguito a conflitti bellici. Lo denuncia un rapporto diffuso dall'Unicef, secondo il quale le guerre hanno prodotto dieci milioni di minori rifugiati all'estero e altri 17 di sfollati all'interno del loro Paese. I numeri salgono a 50 milioni di minori se si contano anche i migranti in fuga dalla povertà e la violenza di bande criminali.

Il rapporto, pubblicato in vista del summit dell'Onu sulle migrazioni del 19 settembre, esorta i diversi Paesi a considerare "prioritaria" l'accoglienza dei minori, in quanto particolarmente vulnerabili a violenza e sfruttamento. I minori, sottolinea ancora l'Unicef, rappresentano circa la metà dei rifugiati che hanno chiesto asilo nel 2015. Il 45% dei minorenni rifugiati proviene da Siria e Afghanistan. L'agenzia Onu per la tutela dell'infanzia segnala inoltre come fra i rifugiati il numero di minori non accompagnati sia triplicato fra il 2014 e il 2015, raggiungendo il numero di 100mila l'anno scorso. Questi minori hanno presentato richiesta di asilo in 78 Paesi nel 2015.

I minori fuggiti dalle loro case sono facilmente vittime di xenofobia e hanno cinque volte maggior probabilità di non frequentare la scuola rispetto ai loro coetanei, nota l'Unicef. "Quale sarà il prezzo che dovremo tutti pagare per non aver fornito a questi giovani le opportunità di istruzione e di una infanzia normale?", si chiede Anthony Lake, direttore esecutivo dell'Unicef.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza