cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 12:54
Temi caldi

In Italia 'bucati' 214mila profili

05 aprile 2018 | 07.29
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Afp

I profili di Facebook "condivisi in modo improprio con Cambridge Analytica" non sarebbero 50 milioni, ma ben 87 milioni. Tra cui 214 mila italiani. Si tratta di 57 persone che hanno installato 'ThisIsYourDigitalLife', l'app di Aleksandr Kogan, coinvolgendo la loro rete di amicizie. Il totale degli italiani coinvolti ammonta a 214.123 utenti Facebook.

L'enorme numero di utenti coinvolti - 87 milioni, cioè 37 milioni in più dei 50 milioni di cui si era parlato subito dopo che era scoppiato lo scandalo di Cambridge Analytica - figura nel penultimo paragrafo del 'blogpost' pubblicato dal 'chief technology officer' di Facebook, Mike Schroepfer, per illustrare i cambiamenti che sta adottando il social media per proteggere in modo migliore informazioni e dati degli utenti.

Per la Commissione Europea, ha detto Christian Wigand, portavoce della Commissione Europea, "l'accesso ai dati personali e il successivo uso improprio degli stessi appartenenti a utenti Facebook non è accettabile. Gli ultimi dati pubblicati da Facebook confermano che anche utenti europei sono stati colpiti". "La commissaria Vera Jourova - ha continuato il portavoce - ha mandato una lettera a Facebook la settimana scorsa, per chiedere ulteriori chiarimenti entro due settimane. Nel frattempo Facebook si è già messa in contatto con noi e dimostrato la volontà di confrontarsi: ora stiamo organizzando contatti ad alto livello nei prossimi giorni".

In una conference call tenuta con ieri con diversi media, Mark Zuckerberg, fondatore e Ceo dell'azienda, ha risposto alle domande della stampa, ammettendo che la società ha commesso un "enorme errore" a non adottare ulteriori misure per proteggere i dati e la privacy dei propri utenti. Durante la conference call, il fondatore di Facebook ha ribadito che "è stato un errore enorme, è stato un mio errore".

Zuckerberg ha quindi sottolineato di essere ancora al timone del colosso di Menlo Park. Rispondendo alle domande dei cronisti, ha ribadito: "Penso che la vita sia imparare dagli errori e capire cosa fare per andare avanti". Alla domanda se qualcuno di Facebook fosse stato licenziato in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica, Zuckerberg ha detto che la vicenda è una sua responsabilità. "Non ho intenzione di licenziare qualcuno per gli errori che abbiamo commesso qui".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza