cerca CERCA
Lunedì 29 Maggio 2023
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Comunicato stampa

In occasione della Festa dei Lavoratori, Just Eat celebra i due anni del modello di delivery etico con rider dipendenti e prevede di assumere 2.000 nuovi lavoratori nei prossimi 12 mesi

27 aprile 2023 | 16.22
LETTURA: 5 minuti

Il modello di assunzione con rider dipendenti di Just Eat ha permesso di ottenere risultati significativi in ambito sicurezza stradale e tutela dei diritti del lavoratore

Milano, 27 aprile 2023. Just Eat (www.justeat.it), parte di Just Eat Takeaway.com, uno dei leader mondiali nel mercato della consegna di cibo a domicilio, in occasione della Festa dei Lavoratori, festeggia i 2 anni dall’implementazione del modello di delivery etico con più di 2.500 rider dipendenti assunti in 27 città con contratto di lavoro subordinato.

Il primo maggio è una data importante per quanto riguarda tematiche relative a lavoro e diritti, fondamentali anche per Just Eat che il 29 marzo 2021 ha avviato il percorso di implementazione del nuovo modello di delivery, siglando l’accordo sindacale con FILT CGIL, FIT-CISL e UIL Trasporti, il primo contratto collettivo aziendale del settore food delivery in Italia e in Europa. Il modello di assunzione prevede la garanzia di una paga oraria fissa e il riconoscimento ai rider di un premio di valorizzazione. Per questo, il modello risulta migliorativo per i rider sia dal punto di vista economico, che per le tutele e l’attenzione alla formazione sulla sicurezza stradale.

In via ulteriore, ai rider è garantito il trattamento economico e normativo in termini di festività, lavoro straordinario, ferie, malattia, maternità/paternità, coperture assicurative, nonché il pieno riconoscimento dei diritti sindacali. Trova, inoltre, integrale applicazione la disciplina in tema di salute e sicurezza, comprendente l'effettuazione delle visite mediche di idoneità, la formazione sulla sicurezza di base e specifica, oltre alla consegna di tutti i DPI previsti dalla normativa vigente.

“Siamo orgogliosi di poter celebrare i due anni del contratto durante un appuntamento importante come il primo maggio. Siamo particolarmente legati a questa giornata perché l’impegno di Just Eat per far sì che i nostri collaboratori abbiano una paga garantita, siano assicurati e tutelati è quotidiano e costante nel tempo. Abbiamo deciso di implementare un modello responsabile perché crediamo che sia un vantaggio per i lavoratori, ma anche per i ristoranti partner e i clienti che possono usufruire di un servizio più qualitativo, efficiente e completo. Ci auguriamo al più presto che il settore del food delivery possa essere regolamentato in modo più puntuale con formule lavorative più tutelanti e regole condivise da tutte le aziende del comparto, per operare in modo efficiente e competitivo nel nostro Paese” afferma Daniele Contini, Country Manager di Just Eat Italia.

Dal punto di vista organizzativo, per Just Eat è fondamentale utilizzare una struttura coerente con le necessità del business, che rispetti le peculiarità tipiche di questo settore e che sia implementabile in modo efficiente. Per questo, Just Eat si è dotata di un contratto aziendale, rispettoso dei trattamenti economici previsti dai contratti collettivi e ha intenzione di continuare ad approfondire il tema con le parti sociali e le organizzazioni sindacali, sempre nell’ottica di offrire tutele e flessibilità.

Sebbene sia importante celebrare il primo maggio, in quanto rappresenta una preziosa occasione di incontro e scambio, sono ancora molti i lavoratori del settore che necessitano di tutela. Ad oggi, Just Eat è la prima multinazionale nel settore ad aver scelto di operare con soli rider con contratto di lavoro subordinato, puntando su una scelta etica e di responsabilità. Si tratta di un investimento mirato sulle persone per garantire una pienezza delle tutele e sul territorio, creando posti di lavoro nelle città, oltre a generare opportunità a sostegno della crescita del mercato del digital food delivery, nonché migliorando il livello del servizio.

FORMAZIONE E CRESCITA PROFESSIONALE

Con il passaggio dallo schema di lavoro autonomo a quello subordinato, Just Eat ha avviato attività di educazione e formazione per i lavoratori. Ai rider dipendenti è offerto un training dedicato con 12 ore di formazione base e specifica sulla professione e sul tema salute e sicurezza, quali parti integranti del lavoro, regolarmente retribuite, insieme a una visita medica periodica di idoneità al lavoro.

Vengono, inoltre, consegnati tutti i DPI previsti dalla normativa vigente quali casco ed indumenti ad alta visibilità.

L’azienda promuove anche percorsi formativi in collaborazione con partner istituzionali e del terzo settore.

In particolare, da marzo 2021 ad oggi sono state erogate più di 40.000 ore di formazione (nello specifico, 2.500 ore di formazione in presenza e 37.600 ore da remoto); oltre 10.000 visite mediche e circa 18.000 kit contenenti DPI.

Il business model di Just Eat, inoltre, consente e sostiene percorsi di carriera dinamici, offrendo opportunità di crescita anche in ruoli diversi rispetto a quello del rider, in particolare come Captain, a supporto dei rider nelle attività quotidiane e posizioni di staff, tra cui i Driver Coordinator, che si occupano di coordinare ogni fase del nuovo modello operativo e offrono assistenza costante ai rider in tutta Italia.

IL MODELLO DI LAVORO SUBORDINATO E LE NUOVE ASSUNZIONI

Con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo del modello, è stata costituita una nuova entità sociale, parte di Just Eat Takeaway.com, che si occupa della gestione operativa delle assunzioni dei rider con uno staff di oltre 100 figure.

Nelle principali delle 27 città in cui il servizio è attivo è prevista anche l’apertura di hub territoriali, dove i rider possono ritirare e utilizzare mezzi di lavoro forniti dall’azienda, come scooter elettrici e e-bike. Si tratta di veri e propri poli logistici, oltre che di incontro per i rider.

L’apertura degli hub permette a Just Eat di consolidare la propria presenza in Italia confermando la volontà di contribuire allo sviluppo del tessuto sociale ed economico del territorio, proseguendo nel percorso in via di definizione da parte della Direttiva Europea in tema di "miglioramento delle condizioni di lavoro mediante piattaforme digitali".

Infine, in coerenza con il piano di sviluppo in Italia, sono previste 2.000 nuove assunzioni di rider nei prossimi 12 mesi.

A proposito di Just Eat

Just Eat (www.justeat.it) è parte di Just Eat Takeaway.com, uno dei leader mondiali nel mercato del digital food delivery. È presente in Italia dal 2011 e oggi opera con oltre 28.000 ristoranti partner in più di 2.000 comuni. Just Eat è accessibile da pc e da mobile tramite l’app dedicata o la versione mobile del sito, per garantire a tutti un’ampia varietà di cucine tra cui scegliere.

Just Eat Takeaway.com:

Just Eat Takeaway.com (LSE: JET, AMS: TKWY) è uno dei leader mondiali nel mercato del digital food delivery. Con sede ad Amsterdam, la società mette in contatto clienti e ristoranti partner attraverso la propria piattaforma. Con oltre 692.000 ristoranti partner, Just Eat Takeaway.com offre un'ampia varietà di scelta. Just Eat e Takeaway.com è rapidamente cresciuto fino ad affermarsi come leader nel mercato dell'online food delivery con attività negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Canada, Australia, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Irlanda, Israele, Italia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Polonia, Slovacchia, Spagna, Svizzera.

Media:

JUST EAT ITALIA - PR & CORPORATE COMMUNICATION MANAGER: vanessa.saverino@justeattakeaway.com

PRESS OFFICE JUST EAT MSL GROUP: justeat-corporatepr@mslgroup.com

laura.piovesan@mslgroup.com mob. 335 739 0159 / martina.donida@mslgroup.com mob. 348 616 6256

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza