cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 06:56
Temi caldi

In piedi sui banchi come nell''Attimo Fuggente', scatta la foto-protesta degli studenti

23 settembre 2014 | 19.27
LETTURA: 2 minuti

Con la foto nomination promossa dall'Uds, l'Unione degli Studenti, parte la protesta in vista della mobilitazione del 10 ottobre

alternate text

Studenti in piedi sui banchi come nel film 'L'attimo fuggente'. Con la foto nomination promossa dall'Uds, l'Unione degli Studenti, parte la protesta in vista della mobilitazione del 10 ottobre. E le foto in cui compaiono appunto ragazze e ragazzi in piedi sui banchi cominciano già a diffondersi sui social network.

"Salire sui banchi per chi trascorre un'infinità di ore della propria vita a dovercisi nascondere dietro è già di per sé un gesto profondamente significativo - dice l'Uds - Gli studenti, grandi assenti de La Buona Scuola di Renzi, vogliono riprendersi il loro protagonismo" - dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Uds - Saliamo sui banchi perché da anni assistiamo a una drastica diminuzione degli investimenti pubblici sull'istruzione, che insieme al welfare riteniamo essere la via d'uscita da un futuro di precarietà e subalternità che ci viene imposto".

"Siamo un Paese con un tasso di abbandono scolastico altissimo in cui di giorno in giorno le disuguaglianze sociali si acuiscono e aumenta pericolosamente il numero di persone che non studiano nè lavorano - continua Lampis - Non siamo disponibili ad accettare passivamente le disposizioni del Piano Scuola. Lo strumento della consultazione non è sufficiente. Non ci accontentiamo di essere chiamati a rispondere per soli due mesi a temi calati dall'alto. Esigiamo processi di partecipazione reali e duraturi, che tengano conto delle rivendicazioni che abbiamo avanzato in anni di mobilitazioni. Una buona scuola può essere definita tale solo se favorisce il protagonismo reale degli studenti ed educa alla cooperazione, anziché alla competizione".

Saliremo sui banchi di tutte le scuole perché il 10 ottobre siamo pronti a riempire le piazza del Paese per un'istruzione gratuita, pubblica e di qualità, per il reddito di formazione, per il welfare, per gli spazi sociali, per un altro modello di didattica e valutazione; per dire no alla scuola-impresa, alla scuola della competizione Renzi-Giannini, al conferimento di nuovi poteri ai presidi, all'ingresso dei privati nelle nostre scuole, per dire basta alla precarietà", conclude l'Uds.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza