cerca CERCA
Martedì 21 Settembre 2021
Aggiornato: 21:47
Temi caldi

Incendi Abruzzo, fiamme a Pescara e sulla Costa dei Trabocchi - Video

01 agosto 2021 | 18.33
LETTURA: 4 minuti

Numerosi incendi anche nel territorio comunale di Ortona, centinaia le persone fuori casa

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato nel primo pomeriggio a Pescara, nella zona sud della città. Le fiamme, alimentate dal forte vento, si sono propagate rapidamente minacciando le tante abitazioni presenti in zona. A darne notizia 'Abruzzolive.it'. Inferno di fuoco anche sulla Costa dei Trabocchi, con il territorio di Rocca San Giovanni (Ch) devastato. Incenerita la pinetina di Vallevò. Fumo e fiamme altissime si sono sviluppate, a partire dalle 14.30, su un fronte di chilometri, sia verso San Vito che verso Fossacesia.

Leggi anche

"È un giorno difficile per Pescara. Da alcune ore si combatte una dura battaglia per difendere dalle fiamme lo scrigno naturale più prezioso, la Pineta dannunziana. Centinaia di uomini dei vigili del fuoco, carabinieri forestali, polizia di Stato, polizia municipale, protezione civile stanno dando tutto in una domenica con temperature sopra i 40 gradi e un vento di libeccio che è insidioso in ogni punto. Siamo a lavoro per arginare i focolai d’incendio che a più riprese, seppur già spenti, in pochi secondi riprendono vigore e aggrediscono anche aree di riserva integrale" si legge sulla pagina Facebook del Comune di Pescara.

"Le zone più coinvolte - viene spiegato - sono la rotonda e le prime propaggini della collina di San Silvestro, l’area a valle di via Terra Vergine, Villaggio Alcione, fosso Vallelunga fino al Mare, colle Breccia, un tratto di via Scarfoglio, la parte retrostante la chiesa Stella Maris. Interessate anche alcune palme e ombrelloni dei lidi a sud, ma il cuore dell’emergenza è la pineta. Alcune famiglie hanno lasciato le case per sicurezza. Due le abitazioni colpite, una di queste è andata distrutta. Confidiamo nella forza degli operatori, la situazione sta migliorando ma è necessario restare vigili. Il sindaco Carlo Masci sta seguendo da molte ore sul posto l’evolversi della situazione. Sono arrivati in via della Bonifica anche il Governatore Marco Marsilio e il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri. A sera la situazione è in buona parte stata domata, anche grazie all’intervento di due elicotteri e dei canadair che dall’alto hanno rilasciato acqua sui roghi".

"Ci sono stati numerosi focolai, ora saranno gli inquirenti a dover chiarire se si sia trattato di fiamme di natura dolosa o colposa o dovute ad altre cause" le parole del sindaco di Pescara riportate sull'account Facebook del Comune abruzzese.

Numerosi incendi sono in corso anche sul territorio comunale di Ortona. Diversi i focolai che stanno interessando varie contrade della cittadina. Fiamme dalla costa alle campagne. E' Abruzzolive.it a pubblicare l'aggiornamento sugli incendi che hanno colpito l'Abruzzo. "Uno dei roghi, nel centro urbano, sta lambendo il cimitero. Gli incendi - si legge - minacciano le abitazioni. Centinaia le persone fuori casa. Problemi anche al canile: la struttura probabilmente dovrà essere evacuata e si cercano stalli per i cani ospitati".

LA PINETA DANNUNZIANA - La Pineta dannunziana di Pescara, o Riserva Naturale di Interesse Provinciale, è nota dai cittadini di Pescara come Parco D’Avalos, che era la famiglia che al tempo dei Borbone possedeva il marchesato di Pescara. La riserva si estende per 53 ettari, di cui solo 35 sono testimonianza dell’antica selva che ricopriva gran parte dell’Abruzzo. Nella Riserva protetta sono presenti molte specie di flora caratteristiche della macchia mediterranea, e ormai in via di estinzione. Poiché la riserva si inserisce all’interno del tessuto urbano della città, sono state istituite delle zone di rispetto, che impediscono che violente politiche urbanistiche intacchino la riserva naturale. Tra le specie conservate all’interno del parco c’è il pino d’Aleppo, lecci, mirto, l’acero campestre, il verbasco niveo, il ginestrino delle spiagge, i pioppi.

La pineta ha preso il nome nel corso del Novecento dal più illustre dei cittadini di Pescara, il poeta Gabriele D’Annunzio che l'ha più volte citata nella raccolta di racconti 'Le novelle della Pescara' (1902). Il tema della pineta fu molto caro allo scrittore abruzzese, tanto da riprenderlo nella memorabile poesia 'La pioggia nel pineto', questa volta dedicata alla nota area verde di Marina di Pietrasanta in Versilia.

"E' un dolore immenso vedere le fiamme che hanno devastato la Pineta dannunziana di Pescara. Tutti noi siamo vicini agli amici abruzzesi e per quanto possibile li aiuteremo. Il 2 settembre, proprio lì, all'Aurum, inizierà il terzo festival dannunziano" ha detto all'Adnkronos Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, che custodisce la casa-museo di Gabriele D'Annunzio a Gardone Riviera (Brescia). "Sono in contatto costante con il sindaco di Pescara, Carlo Masci, e condividiamo con tutti i cittadini il dolore per questa tragedia - ha affermato lo storico e biografo dannunziano Giordano Bruno Guerri - Questo incendio è una gravissima ferita alla città. La pineta è un luogo simbolico che rappresenta la giovinezza di D'Annunzio e anche la sua abruzzesità". "Esprimo dolore e vicinanza alla città di Pescara a cui mi lega un'amicizia ultradecennale", ha concluso il presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza