cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 09:10
Temi caldi

Inchiesta Juve, decreto: "322 milioni di plusvalenze per salvare bilanci"

27 novembre 2021 | 12.36
LETTURA: 4 minuti

Nel provvedimento si fa riferimento ad una scrittura privata legata al rapporto contrattuale e le retribuzioni arretrate di Cristiano Ronaldo

alternate text

Plusvalenze per oltre 310 milioni tra il 2019 e il 2021, operazioni sganciate dai valori reali del mercato, con l'obiettivo di salvare i bilanci della Juventus. E' la sintesi del decreto di perquisizione disposto dalla procura di Torino nelle sedi della Juventus nell’ambito dell’inchiesta sulle plusvalenze denominata ‘Prisma’ in cui figurano indagate sei persone, tra cui il presidente della società bianconera Andrea Agnelli, il vice Pavel Nedved, l’ex responsabile dell’area sportiva Fabio Paratici oltre alla società in veste di persona giuridica. Nel decreto si fa riferimento alla necessità di acquisire una "scrittura privata ('carta famosa che non deve esistere teoricamente'), concernente il rapporto contrattuale e le retribuzioni arretrate del calciatore Ronaldo Cristiano".

PLUSVALENZE E BILANCI

Le plusvalenze contabilizzate dalla Juventus negli anni dal 2019 al 2021 ammontano a complessivi 322.707.000 di euro, secondo la cifra registrata nel provvedimento: "Si è registrata la costante crescita di siffatta voce, ad eccezione dell'ultimo esercizio, in via del tutto proporzionale all’aumento delle perdite e degli ammortamenti dei medesimi diritti".

AGNELLI, PARATICI, NEDVED

I vertici della società bianconera "appaiono, di fatto, ben consapevoli della condotta attuata dall’ex manager bianconero (Fabio Paratici, ndr) e delle conseguenze estremamente negative sotto il profilo finanziario", si legge nel provvedimento. In particolare, si legge, "sono emersi, in più casi, riferimenti alla ‘gestione Paratici’, soggetto posto al vertice dell’area sportiva fino al giugno 2021, ed artefice della pianificazione preventiva delle plusvalenze. Per quanto emerso dalle attività di ascolto, i vertici del Cda della società bianconera, in primis il presidente Andrea Agnelli, appaiono, di fatto, ben consapevoli della condotta attuata dall’ex manager bianconero e delle conseguenze estremamente negative sotto il profilo finanziario non certo derivanti solo dal contesto pandemico in atto".

"Sin dai primi accertamenti sono emersi indizi precisi e concordanti per ritenere che i valori sottesi ai trasferimenti in questione non siano stati oggetto di una fisiologica trattativa di mercato ma che si sia di fronte a operazioni sganciate da valori reali di mercato, preordinate e attestanti ricavi meramente ‘contabili’ in ultima istanza fittizi", si afferma nel decreto.

Dagli accertamenti "si è avuta espressa conferma in merito alla ‘gestione malsana delle plusvalenze’, voce di ricavo caratteristica della gestione sportiva, talvolta utilizzata quale autentico strumento ‘salva bilanci’, cioè in modo distorto, quale correttivo dei rischi assunti in tema di investimenti e dei costi connessi ad acquisti e stipendi ‘scriteriati’".

LA JUVE, UNA 'MACCHINA INGOLFATA'

"Proprio gli investimenti oltre le previsioni di budget e gli "ammortamenti" - si legge ancora - sono stati tra le cause dello squilibrio economico e finanziario che ha portato la società Juventus s.p.a. ad essere paragonata ad ‘una macchina ingolfata’".

LE CARTE 'SEGRETE'

Secondo il decreto, "occorre ricercare ed acquisire i documenti/scritture private che, sulla base delle operazioni tecniche, non risultano essere stati oggetto di pubblicazione e di comunicazione agli organi competenti, segnatamente: scrittura attestante la sussistenza di un "obbligo non federale" a carico della società sportiva Atalanta Bc s.p.a., nell'ambito della doppia operazione di trasferimento dei calciatori Demiral Merih e Romero Christian; scrittura privata ("carta famosa che non deve esistere teoricamente"), concernente il rapporto contrattuale e le retribuzioni arretrate del calciatore Ronaldo Cristiano", si legge ancora.

LA NOTA DELLA SOCIETA'

Juventus "sta collaborando con gli inquirenti e con la Consob e confida di chiarire ogni aspetto di interesse degli stessi, ritenendo di aver operato nel rispetto delle leggi e delle norme che disciplinano la redazione delle relazioni finanziarie, in conformità ai principi contabili e in linea con la prassi internazionale della football industry e le condizioni di mercato". Ad affermarlo in una nota è la Juventus che in una nota "prende atto dell’avvio di indagini da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino nei confronti della Società nonché di alcuni suoi esponenti attuali (Andrea Agnelli, Pavel Nedved e Stefano Cerrato) e passati in merito alla voce 'Proventi da gestione diritti calciatori' iscritta nei bilanci al 30 giugno 2019, 2020 e 2021 per i reati di cui all’art. 2622 cod. civ. (False comunicazioni sociali delle società quotate) e all’art. 8 del D.Lgs. n. 74/2000 (Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti) e, per quanto attiene alla società, per l’illecito previsto dagli artt. 5 (Responsabilità dell’ente) e 25-ter (Reati societari) del D.Lgs. n. 231/2001.

La Juventus ricorda che la società "è attualmente soggetta a una verifica ispettiva da parte della Consob ai sensi dell’art. 115, comma 1, lett. c), del D.Lgs. n. 58/1998, anch’essa avente ad oggetto la voce 'Proventi da gestione diritti calciatori', come descritto nel prospetto informativo relativo all’aumento di capitale in opzione, pubblicato in data 24 novembre 2021, e nella relazione finanziaria annuale consolidata al 30 giugno 2021".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza