cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:34
Temi caldi

India: Save the Children, un terzo vittime violenze sessuali sono minori

29 maggio 2014 | 18.32
LETTURA: 2 minuti

Circa un terzo delle vittime di violenza sessuale in India ha meno di 18 anni. E' il dato diffuso oggi da Save the Children e l'organizzazione, si legge in un comunicato, "chiede un'immediata attivazione per trovare, identificare e processare i sospetti responsabili del presunto stupro e omicidio di gruppo delle due sorelle dell'Uttar Pradesh", che ieri sono state trovate impiccate ad un albero. Save the Children lancia anche un appello affinché "le crescenti violenze contro i bambini siano riconosciute come una priorità dal nuovo governo centrale".

"Siamo in presenza - dichiara Shireen Vakil Miller, direttore delle Relazioni Istituzionali di Save the Children, India - di un fatto orribile, all'interno di una tendenza allarmante di brutali violenze nei confronti delle donne, in particolare quelle appartenenti a comunità marginalizzate. E' necessario e urgente intraprendere azioni concertate per fermare tutto ciò. E' necessario che venga inflitto il massimo della pena, in accordo con l'Atto per la prevenzione di offese sessuali sui bambini e il codice penale indiano. Bisogna mandare un messaggio chiaro per fermare un crimine così orribile contro delle ragazze", ha concluso.

Save the Children, si legge ancora nel comunicato, sottolinea inoltre come una speciale attenzione debba essere riservata alle difficili condizioni di comunità emarginate come i Dalits. L'organizzazione, che opera in 16 stati dell'India, supporta iniziative come "Fermiamo la violenza contro i bambini in India", un'alleanza nazionale di organizzazioni per i diritti dell'infanzia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza