cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 07:51
Temi caldi

'Indian wedding' in Puglia: danzatori, figuranti e hostess in sari per cospargere di fiori la strada

28 agosto 2014 | 20.41
LETTURA: 4 minuti

Tra spettacoli ispirati alla mitologia greca e nuoto sincronizzato, emergono i primi particolari delle nozze da favola della terzogenita del magnate della siderurgia Pramod Agarwal, che si terranno dal 3 al 6 settembre in contrada Pettolecchia, a Fasano, dove nel 2012 erano già convolati a nozze Justin Timberlake e Jessica Biel. L'assessore alla promozione turistica all'Adnkronos: "Indotto importante per il territorio"

alternate text
(Xinhua)

Un centinaio di hostess pugliesi, vestite con il tradizionale sari indiano, deputate solo a cospargere di fiori la stradina che costeggia la masseria San Domenico nel momento in cui lo sposo andrà incontro alla sposa. È uno dei particolari delle nozze 'da favola' della terzogenita del magnate indiano della siderurgia Pramod Agarwal che si terranno dal 3 al 6 settembre in contrada Pettolecchia, nella frazione Savelletri di Fasano.

L'intero comprensorio di Borgo Egnazia e San Domenico sarà blindato: a garantire che tutto fili liscio per gli 800 invitati ci saranno 700 uomini, 400 operatori della Balich Worlwide Shows di Milano, la megasocietà che ha organizzato l'evento, e 300 uomini di Pramod Agarwal, tutti alloggiati in alberghi e B&B della zona, visto che le stanze di Borgo Ignazia e San Domenico sono tutte riservate per gli ospiti.

''Le celebrazioni per l''indian wedding' sono importanti per la città e per tutto il territorio. Promozione, comunicazione e non solo. Un indotto economico da non trascurare perché molte aziende stanno collaborando da tempo per la messa a punto del matrimonio di Ritika Agarwal e Rohan Metha accanto naturalmente a tutte quelle persone, centinaia e centinaia, che verranno coinvolte nei preparativi''. Lo ha dichiarato all'Adnkronos Laura De Mola, assessore alla promozione turistica del territorio di Fasano.

E ha ricordato che ''i festeggiamenti si svolgeranno in diverse location del territorio. Non solo Borgo Egnazia, cuore del matrimonio bollywoodiano. Ci saranno anche mega show in riva al mare e all'interno una antica masseria con alberi di ulivi secolari". Riguardo alle notizie sul web e sui quotidiani legate alla vicenda dei Marò, Laura de Mola ha aggiunto: ''Vogliono strumentalizzare i festeggiamenti del matrimonio. I nostri due marò prigionieri in India non c'entrano nulla con l''indian wedding'. Purtroppo - ha detto - è una situazione che bisogna risolvere a livello politico''.

Tra le varie 'attrazioni' anche danzatori, attori, figuranti, atleti del nuoto sincronizzato, oltre 60 le persone scelte dopo un cast al quale hanno partecipato circa 1.000 persone.

''Ho risposto a un annuncio apparso su internet - ha raccontato all'Adnkronos uno dei danzatori che parteciperà al mega-show che sarà trasformato, successivamente, in uno 'short 'movie' - con noi ci saranno coreografi italiani e un artista proveniente dalla Grecia''.

Inoltre saranno due chef pugliesi doc a portare i sapori italiani al matrimonio da favola. Il menù della 'tre giorni' è infatti 'misto' e prevede cucina indiana e cucina tipica pugliese, firmata da Pietro Zito, lo chef di 'Antichi Sapori', il ristorante di Montegrosso (Andria) che ha fatto di territorio e profumi dell'orto una vera e propria'filosofia', e da Peppe Zullo, altro noto chef della cucina italiana che fa 'base' nell'azienda agricola di Orsara di Puglia e che ha saputo trasformare i propri ristoranti in "laboratori polivalenti di educazione al gusto". Zito curerà la prima delle tre giornate con un menù intitolato 'L'oro di Puglia'.

Nessuna 'fusion' tra sapori indiani e mediterranei, ma tutto made in Italy. Cibo di qualità, come quello che proviene dagli orti privati, sapientemente coltivati dai due mega chef. Menù vegetariano per i giovani sposi e i loro ospiti. Semplicità e sapori antichi, verdure di stagione, come i germogli o i fiori di zucca e naturalmente i primi tradizionali.

Nella top ten le orecchiette di grano arso e formaggi del territorio come la burrata, ma anche alcuni dolci. I bocconotti leccesi, per esempio: pasta frolla riempita di crema pasticcera e amarena.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza