cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:54
Temi caldi

Infanzia, Mattarella: "Ancora troppe negazioni di diritti e tutele"

20 novembre 2021 | 10.09
LETTURA: 2 minuti

La dichiarazione in occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia: "Ogni bambino deve poter godere degli stessi diritti, senza eccezione alcuna"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Permangono ancora troppe violazioni dei diritti e delle tutele dei minori. "Nel giorno anniversario dell'approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti del fanciullo va affermato con forza uno dei principi fondamentali della Carta, quello della non discriminazione: ogni bambino deve poter godere degli stessi diritti, senza eccezione alcuna", si legge in una dichiarazione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale dell'Infanzia. "Nel giorno anniversario dell'approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti del fanciullo - afferma Mattarella - va affermato con forza uno dei principi fondamentali della Carta, quello della non discriminazione: ogni bambino deve poter godere degli stessi diritti, senza eccezione alcuna".

"La Convenzione - prosegue - afferma il diritto ad una infanzia felice e ribadisce il divieto di ogni forma di sfruttamento dei bambini e degli adolescenti e la giornata odierna è la data simbolica per rimarcare i loro diritti e far sì che la difesa di questi si nutra di azioni concrete. Il numero degli Stati che, attraverso la ratifica della Convenzione, si sono vincolati giuridicamente al rispetto dei principi in essa affermati è altissimo. Nonostante l’impegno profuso, tuttavia, ancora oggi assistiamo troppo spesso alla loro negazione".

"Bambini che perdono la loro infanzia e la loro libertà perché “arruolati” nelle zone di guerra. Bambini profughi, costretti a fuggire per guadagnare una speranza di vita. Bambini impiegati nel lavoro minorile o reclutati dalla criminalità perché nati in contesti di privazione economica ed educativa. Bambine usate come merce di scambio, costrette a matrimoni spesso non voluti e precoci, costrette a vivere ogni giorno in un incubo: bambine alle quali vengono distrutti i sogni e l’attesa di una vita libera. Alla Repubblica, alla comunità internazionale, la responsabilità di offrire un futuro all’infanzia. Su di essa, sulle capacità dei bambini, risiede l’avvenire di tutti", conclude Mattarella.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza