cerca CERCA
Mercoledì 23 Giugno 2021
Aggiornato: 09:43
Temi caldi

Ingroia: "Per direttore Telejato richiesta eccessiva, neanche fosse un capomafia"

07 dicembre 2020 | 15.17
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La richiesta a undici anni e mezzo di carcere per il direttore di Telejato Pino Maniaci "è eccessiva, sono pene che si chiedono di solito per un capomafia". Lo ha detto all'Adnkronos l'avvocato Antonio Ingroia, ex Procuratore aggiunto di Palermo che oggi difende Maniaci, il giornalista della piccola tv locale di Partinico (Palermo) accusato di estorsione e diffamazione. "Leggeremo la corposa requisitoria del pm che ha depistato l'accusa - dice Ingroia - e quando faremo l'arringa difensiva contesteremo punto per punto ogni fatto. Questo è uno di quei casi in cui il pm avrebbe dovuto chiedere l'assoluzione per l'imputato tenendo conto del risultato dibattimentale".

"Da una parte il pm sembra essersi fermato a prima dell'istruzione dibattimentale - dice ancora Ingroia - l'accusa ha ribadito le acquisizioni della fase delle indagini ignorando le risultanze del processo in cui ci sono stati tanti testi e presunte persone offese che per primi hanno detto di non avere subito nessuna estorsione. I pm hanno ignorato questi aspetti".

"Ma mi ha colpito ancora di più l'eccessività della richiesta. Stiamo parlando di presunte estorsioni di qualche centinaio di euro, sono pene che si chiedono per i capimafia non per Pino Maniaci", dice Ingroia. E' una richiesta sproporzionata per una persona che non si è mai tirata indietro nelle critiche e nelle polemiche nei confronti della Procura di Palermo. Più volte ha criticato l'operato della Procura anche nella vicenda del caso Saguto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza