cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Turchia: insulta Erdogan e Davutoglu su Fb, impresa di pulizie la licenzia

10 marzo 2015 | 09.04
LETTURA: 1 minuti

L'azienda aveva inizialmente difeso la libertà di espressione, ma poi ha dovuto agire in seguito alle minacce di revoca del contratto.

alternate text

Licenziata per aver ''insultato'' su Facebook il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro Ahmet Davutoglu. E' successo a una dipendente di un'impresa di pulizie in Turchia, come riferisce l'agenzia di stampa Dogan che parla di pressioni esercitate dalle autorità sull'azienda affinché allontanasse la donna. Ricostruendo la vicenda, Dogan spiega che la Direzione della sanità pubblica dell'amministrazione provinciale di Canakkale ha inviato un documento all'impresa di pulizia con la quale ha un contratto illustrando i messaggi postati su Facebook da una sua dipendente e chiedendo all'azienda di ''prendere i provvedimenti necessari''.

In un primo momento l'impresa si è rifiutata di allontanare la donna citando il diritto alla libertà di espressione. Ma quando è arrivata la minaccia di revoca del contratto da parte dell'amministrazione provinciale, la donna è stata licenziata.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza