cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 23:38
Temi caldi

Turchia: insulti a Erdogan, vignettisti condannati a 11 mesi di carcere

25 marzo 2015 | 10.43
LETTURA: 3 minuti

Sotto accusa la copertina di agosto della rivista Penguen. Baruter e Aydogan si proclamano innocenti, ma sono stati riconosciuti colpevoli di offese a pubblico ufficiale.

alternate text

Due vignettisti turchi del popolare settimanale satirico 'Penguen', Bahadir Baruter e Ozer Aydogan, sono stati condannati a undici mesi di carcere con l'accusa di aver ''insultato'' il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. I due erano stati citati in giudizio il 21 agosto del 2014 a proposito della vignetta di copertina della rivista satirica sull'elezione di Erdogan alla presidenza della Turchia. Nel disegno appariva Erdogan che chiedeva ai funzionari del palazzo presidenziale di Ankara se avessero preparato ''qualche giornalista da macellare'', in riferimento al rituale del sacrificio nell'Islam per celebrare la sua elezione.

Dopo la pubblicazione un cittadino turco, Cem Safcier, ha sporto querela sostenendo che uno dei funzionari raffigurati nella vignetta e che accoglie Erdogan farebbe un gesto con la mano considerato offensivo nella cultura turca, ovvero starebbe a indicare che la persona alla quale viene rivolto è omosessuale. Il gesto disegnato, secondo la procura, va ''contro le norme etiche e culturali della società turca'' e ''va oltre il diritto di critica, è un insulto''. L'accusa aveva chiesto per Baruter e Aydogan due anni di carcere, diminuiti a 11 mesi e 20 giorni per buona condotta. Gli avvocati di Erdogan avevano riferito che il loro era stato un ''insulto a pubblico ufficiale''.

Nella prima udienza che si è svolta a Istanbul lo scorso 19 marzo, i due vignettisti si sono proclamati innocenti e affermano che il concetto su cui la vignetta ironizza non ha nulla a che fare con il gesto del funzionario, che sarebbe stato disegnato in modo casuale. ''Se si guarda all'intera vignetta si può vedere che la battuta non ha nulla a che fare con quel gesto'', ha detto Baruter.

Non è la prima volta che Penguen finisce nel mirino di Erdogan, che ha già chiesto 40mila lire turche di danni per una serie di vignette nelle quali, quando era premier, venne rappresentato con le sembianze di vari animali. I disegni erano stati pubblicati in risposta a precedenti condanne di vignettisti dei quotidiani Cumhuriyet ed Evrensel, sempre per insulto a Erdogan. Sono oltre 70 le persone processate in Turchia per aver ''insultato'' Erdogan dalla sua elezione alla presidenza nell'agosto del 2014. Il reato di ''insulto'' viene punito in Turchia con tre mesi di carcere, ma se si tratta di un pubblico ufficiale la pena viene estesa a un anno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza