cerca CERCA
Lunedì 27 Giugno 2022
Aggiornato: 15:55
Temi caldi

Intel: la crisi dei chip per tecnologia e automobili durerà fino al 2024

30 aprile 2022 | 17.04
LETTURA: 1 minuti

Si stima che nel 2021 gli Stati Uniti abbiano perso 240 miliardi di dollari a causa della crisi di approvvigionamento

alternate text

Il CEO di Intel Pat Gelsinger ha dichiarato che secondo le sue previsioni la crisi dei semiconduttori che sta colpendo il settore dei microchip durerà per più di tempo di quanto ci si possa aspettare. Gelsinger crede che la situazione proseguirà fino al 2024, perché la scarsità di materiali ha ora intaccato il ramo manifatturiero. Questo potrebbe rendere più complicato per le aziende rifornirsi di strumenti adatti ad andare incontro a una domanda maggiore del solito. I lockdown degli ultimi due anni hanno inciso su una domanda che stava salendo vertiginosamente proprio in quel periodo, e ha messo in crisi produttori di device tecnologici come aziende di automobili. Si stima che gli Stati Uniti abbiano perso 240 miliardi di dollari a causa della crisi di approvvigionamento, solo nel 2021. Precedentemente, Intel aveva stimato che i problemi sarebbero durati fino al 2023. Intel ha anche fatto sapere che sta costruendo due nuove fabbriche di chip in Arizona, e un altro impianto in Ohio. In Europa, Intel ha annunciato l’investimento dei primi 17 miliardi di euro (degli 80 previsti in totale) per la realizzazione di un mega-impianto all’avanguardia in Germania per la produzione di semiconduttori, la creazione di un nuovo hub di ricerca e sviluppo (R&D) e di design in Francia, e investimenti nell’R&D, nella produzione, nei servizi di fonderia e nelle fasi di back-end della produzione in Irlanda, Italia, Polonia e Spagna.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza