cerca CERCA
Giovedì 22 Aprile 2021
Aggiornato: 18:13
Temi caldi

'Intimidazioni e minacce', salta il concerto di Bello Figo a Roma

31 gennaio 2017 | 12.53
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Intimidazioni e minacce fanno saltare il concerto del rapper Bello Figo in programma il 4 febbraio agli Ex Magazzini di Roma. "Ci sentiamo costretti a rinunciare a questa occasione di svago e divertimento, perché è necessario salvaguardare lo spirito che guida la programmazione del nostro locale, sempre finalizzata all’intento ludico e non a occasioni di scontri e di violenza", si legge nel comunicato che gli organizzatori hanno pubblicato su Facebook.

"Stante le intimidazioni rivolte al nostro ospite, ai nostri clienti ed al corretto svolgimento dell’evento, ci sentiamo in dovere di tutelare la sicurezza di ogni persona interessata e di chiunque quella sera si trovasse nei paraggi", prosegue il comunicato. Nei giorni scorsi, sempre su Facebook, Azione Frontale -gruppo di estrema destra- aveva annunciato l'intenzione di attuare "ogni iniziativa affinché l'evento di tale uomo non avvenga, siamo pronti a picchettare l'entrata del locale".

"Le inaccettabili minacce ricevute e rese note da testate giornalistiche nazionali devono far riflettere tutti noi -affermano oggi gli organizzatori dell'evento-. Destabilizzano un clima sereno e professionale che ci ha finora accompagnato in ogni occasione e minano i valori di libertà di espressione in cui fermamente crediamo. Questa è la ragione che ci ha spinto ad annullare l’evento. Ci scusiamo con tutti coloro che hanno già comprato il biglietto e ringraziamo tutte le persone che ci sono state vicine", proseguono gli organizzatori, chiarendo che "I biglietti saranno rimborsati direttamente da Box Office. Per chi avesse acquistato il biglietto da un rivenditore autorizzato può chiedere direttamente il rimborso dallo stesso punto vendita".

L'annullamento dell'evento viene accolto con soddisfazione da Azione Frontale: "Questa non è una nostra vittoria, ma una vittoria di tutti gli italiani uomini e donne che subiscono le offese di questo personaggio. Siamo consapevoli che il "signore" in questione è solo l'ultimo dei problemi del nostro paese ma non per questo non degno di essere trattato e contestato. Azione Frontale sarà sempre in prima fila a difendere il popolo Italiano", si legge in un post pubblicato oggi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza