Cerca

L'archivio di Franco Zeffirelli trova casa a Firenze

Un museo dedicato all'opera del regista nascerà nell'ex tribunale

SPETTACOLO
L'archivio di Franco Zeffirelli trova casa a Firenze

ROMA 10 DICEMBRE 2009 CONFERENZA STAMPA DELL'OPERA "LA TRAVIATA" IN SCENA AL TEATRO DELL'OPERA DI ROMA DAL 18 DICEMBRE. NELLA FOTO FRANCO ZEFFIRELLI FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

L'archivio e la biblioteca del regista Franco Zeffirelli trovano casa a Firenze, dove sarà realizzato un museo dedicato al maestro. La Fondazione Franco Zeffireli avrà in concessione, per 29 anni, i locali al piano terreno e al primo dell’ex tribunale di piazza San Firenze. Lo ha deciso la giunta comunale che ieri ha approvato l’apposita delibera presentata dalla vicesindaca Cristina Giachi.


In tutto 3.600 metri quadrati nei quali sarà ospitata la Fondazione, nucleo del ‘Centro internazionale di formazione per le arti e dello spettacolo’. Nei locali saranno presenti spazi dedicati a museo, biblioteca e archivio ma anche attività di formazione e servizi accessori, come ristorazione e bookshop.

"Qui - ha spiegato la vicesindaca Giachi illustrando la delibera, questa mattina, in Palazzo Vecchio, insieme al mestro Zeffirelli e alla senatrice Rosa Maria Di Giorgi - sorgeranno un museo e una scuola dedicati all’opera del maestro e alla sua vita di artista. Qui ci saranno bozzetti, scenografie, i costumi utilizzati per le opere teatrali e per i film. Abbiamo potuto scegliere la strada dell’affidamento diretto perché è stata costituita, appunto, una fondazione".

La ‘Fondazione Franco Zeffirelli onlus’ è nata il 28 maggio scorso ed ha sede a Firenze, in via Cavour. Tra i suoi scopi la tutela, promozione e la valorizzazione dei materiali di interesse artistico e storico dell’archivio e della biblioteca di Zeffirelli, dichiarati di interesse dalla soprintendenza del Lazio nel 2009.

"La Fondazione pagherà un affitto e si assumerà l’onere degli investimenti necessari per i lavori per l’adeguamento funzionale della struttura - ha specificato Giachi- che saranno scomputati dal canone".

L’ex tribunale di piazza San Firenze custodirà i bozzetti di ogni scenografia realizzata o meno, il materiale filmico, le sceneggiature, i vestiti di scena, le migliaia di libri che compongono la biblioteca del maestro. In particolare, il progetto riguarderà la sala della musica, e il museo dedicato alle arti dello spettacolo con importanti pezzi della collezione privata di Zeffirelli; sarà inoltre allestita una grande sala polifunzionale per incontri e proiezioni di film, la biblioteca e la scuola delle arti e dello spettacolo aperta agli studenti di tutto il mondo.

"Nel 2000, da assessore alla cultura -ha ricordato la senatrice Di Giorgi- realizzai la prima mostra fiorentina del maestro. Mai, prima di allora, la cittá aveva accolto l'arte di Zeffirelli. Da allora nacque l'idea della fondazione. Adesso é giunto a compimento il sogno del maestro con l'affidamento di San Firenze. Nel cuore della città. La fondazione metterá a disposizione dei fondi internazionali per la realizzazione del progetto. La fondazione ha un patrimonio inestimabile, stimato 10 anni fa in 270 milioni di euro. La scuola di formazione internazionale sarà un eccellenza. Non esistono centro di questo tipo in Italia. Grazie a Zeffirelli, al comune e alla volontà di tutti, questo diventerà presto realtà".

"La Fondazione -ha sottolineato Giachi- è il nucleo principale del ‘Centro internazionale di formazione per le arti e dello spettacolo’. Nel resto dell’ex tribunale ospiteremo le eccellenze formative artistiche e culturali della città e del mondo, legate alla musica, alla danza, al cinema e al teatro, alla scrittura drammaturgica, all'artigianato del teatro e del cinema, come la sartoria o la realizzazione delle scenografie".

"Per costruire questo ambizioso progetto che per volere del sindaco Dario Nardella individua una nuova vocazione per il complesso dell'ex tribunale, stiamo lavorando con le istituzioni pubbliche attive nel campo delle arti dello spettacolo e della formazione, come la Pergola o l'Università, per ricordarne solo alcune. Per il progetto che riguarda il resto di San Firenze, cioè la parte non attribuita alla fondazione Zeffirelli, stiamo studiando il modello giuridico amministrativo per l'affidamento della gestione, e sceglieremo in base alle norme tra affidamento diretto e bando", ha concluso Giachi.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.