Cerca

Da lo Hobbit a Capitan America, per Martin Freeman è già attesa

SPETTACOLO
Da lo Hobbit a Capitan America, per Martin Freeman è già attesa

English actor Martin Freeman attends the World Premiere of 'The Hobbit: The Battle Of The Five Armies' at Odeon Leicester Square in London on December 1, 2014. UPI/Paul Treadway - Infophoto

Il nuovo kolossal della Marvel 'Captain America: Civil War', due film in uscita nel 2016 con la commedia nera 'Fun House' e il dramma 'Funny Cow', e voci sempre più insistenti su una sua partecipazione nell'atteso prossimo film di Spielberg 'The Big Friendly Giant — (The BFG)': Martin Freeman, protagonista de 'Lo Hobbit' e 'Fargo', è una delle star più attese del Giffoni Film Festival.


Ospite domani della manifestazione per ricevere il Grifone Experience Award e incontrare i giovani giurati, Freeman arriverà questa sera in Italia per passare anche qualche giorno in costiera amalfitana insieme alla moglie Amanda Abbington, sua compagna dal 2000 (i due hanno lavorato insieme in svariate produzioni, tra cui Sherlock) e ai due figli Joe (nato nel 2006) e Grace (nata nel 2008).

Apprezzato per il personaggio di Bilbo Baggins nei tre adattamenti de 'Lo Hobbit' (serie che verrà celebrata anche da Sky Cinema con un nuovo canale interamente dedicato alla saga fantasy più celebre di sempre con i 6 capitoli de 'Il Signore degli anelli' e 'Lo Hobbit' per la prima volta tutti insieme su un unico canale da venerdì 4 a domenica 13 settembre), Freeman è stato pluripremiato anche per le sue interpretazioni in 'Fargo' e 'Sherlock', conquistando nel 2010 l'Emmy Award e il Premio 'Bafta' come 'miglior attore non protagonista' (per Sherlock) e le nomination ai Golden Globes 2015 e agli Emmy Awards 2014 come 'miglior attore non protagonista in una miniserie o film per la televisione' (per Fargo).

Oltre all'attore britannico, sono attesi domani anche tanti nomi del panorama cinematografico e televisivo italiano: Lillo & Greg, Serena Rossi, Ivan Cotroneo con tutto il cast del suo ultimo film 'Un bacio' e ancora due masterclass con Favij, Federico Clapis, Leonardo Decarli e Zoda del cast di Game Therapy e Caludio Di Biagio, Francesco Nardella e Valerio Berghesio per la presentazione di RAY, progetto Rai per il web. Ospite d’onore anche Hamad Bin Abdulaziz Al-Kuwari, ministro della cultura qatariano.

Spazio anche alle grandi anteprime con la proiezione del film d’animazione 'Quando c’era Marnie', l’ultimo lungometraggio dello Studio Ghibli e distribuito dalla Lucky Red, che a Giffoni presenterà anche i teaser preview de 'Il Piccolo Principe' di Mark Osborne, 'Un Bacio' di Ivan Cotroneo, 'Breaking Dance' di John Swetnam e 'Game Therapy' di Ryan Travis.

Domani appuntamento anche con uno degli eventi più attesi di questa edizione del Giffoni Film Festival: l’asta di beneficenza fortemente voluta da Giffoni Experience, Associazione Aura e Genea Antichità. Saranno messi all’asta oggetti di antiquariato e l’utile ricavato sarà devoluto a Medici Senza Frontiere. Presenta la serata il giornalista Tonino Pinto; banditore, Generoso Andria, presidente Onorario del Giffoni Experience. Aura’s Charity è l’espressione sociale del Giffoni Experience.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.