Cerca

E' morto Riccardo Marasco, il menestrello di Firenze

SPETTACOLO
E' morto Riccardo Marasco, il menestrello di Firenze

Addio al cantautore e musicista Riccardo Marasco, il menestrello fiorentino per antonomasia. Aveva 77 anni ed è morto oggi per cause naturali a Firenze. La notizia della scomparsa è stata diffusa da Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana.


Conoscitore e reinventore della tradizione popolare non solo toscana, Marasco è noto soprattutto per canzoni vernacolari, sboccate e ironiche ("L'alluvione", "La lallera", "La Teresina", "La Wanda", "Vassallo, cavallo, gallo"); tuttavia nel suo repertorio si trovano anche canzoni popolari e canti religiosi. Anche nei contesti più vicini al cabaret, Marasco rivela un amore per la storia della propria terra, come nel caso de "L'ammucchiata", una lunga descrizione di un'orgia a cui partecipano i più grandi nomi del potere fiorentino e della cultura rinascimentale.

Riccardo Marasco nasce il 29 ottobre 1938 nel cuore di Firenze. A otto anni frequenta le prime lezioni di pianoforte con Bruna Venturini, a cui seguono quelle di chitarra con Giulio Giannini e Otello Mori e i seminari di musica antica di Andrea von Ramm. Gli anni sessanta segnano l'inizio della sua carriera artistica, divisa fin dal principio tra musica e teatro.

Durante più di quarant'anni Riccardo Marasco ha dato vita ad una forma di teatro musicale che ha toccato gli elementi più disparati della musica italiana, dagli antichi canti popolari toscani del Quattrocento a quelli patriottici del periodo risorgimentale, passando per le laudi religiose dedicate a Maria Vergine. Marasco è pure appassionato conoscitore e interprete dell'opera di Odoardo Spadaro, di cui è considerato l'erede naturale. Tutto questo è valso a Marasco dei riconoscimenti a livello nazionale, ma anche una serie di collaborazioni di prestigio, tra cui troviamo i nomi di Oreste Lionello, Domenico Modugno, Franco Graziosi.

Marasco è autore di una una ventina di album discografici, dal primo del 1969 "Firenze sboccata" fino a "La mia Toscana" del 2012.

"Questa notizia mi ha sconvolto - commenta Eugenio Giani -. Ho perso una persona cara, un amico, uno dei volti migliori di Firenze. Interprete autentico del canto popolare fiorentino, ricordo benissimo quando nell’ambito degli scambi culturali del gemellaggio con la città di Kyoto i giapponesi preferirono Riccardo Marasco alla mostra di alcuni quadri esposti agli Uffizi. Per non parlare del grandissimo successo di pubblico che ebbero i suoi concerti proprio in Giappone. Pochi giorni fa avrebbe dovuto aprire la Festa della Toscana con un concerto nella Sala delle Feste. Ho una grande tristezza dentro".

"Con Marasco - afferma il sindaco di Firenze Dario Nardella - se ne va una voce caratteristica di Firenze, un cantante-menestrello che ha regalato alla città alcune canzoni e alcune interpretazioni che l’hanno resa famosa e una persona irriverente e al tempo stesso arguta, capace di divertire con ironia".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.