Home . Intrattenimento . Spettacolo . David Bowie, eredità da 100 mln di dollari divisa tra moglie e figli

David Bowie, eredità da 100 mln di dollari divisa tra moglie e figli

SPETTACOLO
David Bowie, eredità da 100 mln di dollari divisa tra moglie e figli

David Bowie (Foto Afp)

David Bowie ha lasciato un'eredità di circa 100 milioni di dollari, secondo quanto contenuto nel testamento della rockstar, il cui contenuto è stato reso pubblico a New York. La metà di quanto lasciato da Bowie andrà alla sua vedova, Iman, insieme con la casa in cui vivevano nella Grande Mela. Il resto è condivisa tra il figlio e la figlia.

È stato anche rivelato che Bowie aveva chiesto che le sue ceneri fossero disperse a Bali con un rituale buddista. Il cantante è morto di cancro il 10 gennaio, a 69 anni appena compiuti.

Nel testamento, depositato in un tribunale di Manhattan venerdì sotto il nome legale di Bowie, David Robert Jones, è previsto anche che l'assistente personale della star, Corinne Schwab, riceva 2 milioni di dollari e che un altro milione venga corrisposto ad un ex bambinaia, Marion Skene. Il figlio di Bowie, Duncan Jones, e la figlia, Alexandria Zahra Jones, hanno ricevuto entrambi il 25% del patrimonio. Ad Alexandria è stata lasciata anche una casa nello stato di New York.

Nel testamento, scritto nel 2004, Bowie ha chiesto di essere cremato a Bali e che le sue ceneri fossero disperse sull'isola indonesiana, ma ha anche disposto che se la cosa non fosse stata praticabile fossero disperse altrove ma in ogni caso "in conformità con i rituali buddisti". Non è chiaro se la cosa sia già avvenuta. Il corpo di Bowie è stato cremato il 12 gennaio nel New Jersey, secondo quanto riportato sul certificato di morte allegato al testamento. Ed è stato riferito che nessun familiare o amico era presente alla cremazione, in accordo con i desideri del musicista.

Bowie, com'è noto aveva pubblicato il suo nuovo album, 'Blackstar', appena due giorni prima della sua morte. Ed il disco è stato dunque interpretato come il suo epitaffio. L'album è al numero uno nelle classifiche del Regno Unito da tre settimane e nelle prime posizioni delle classifiche in moltissimi paesi del mondo. In Italia ha esordito al primo posto e questa settimana è al terzo posto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.