Cerca

A Cannes dentro i film con l'app Vr della Rai

SPETTACOLO
A Cannes dentro i film con l'app Vr della Rai

(Adnkronos/Cinematografo.it) - “Lanciammo Rai Cinema Channel nel 2011, per gli amanti del cinema e del documentario, con accesso completamente gratuito. Oggi ci siamo chiesti cosa potevamo fare di più per soddisfare tutte le fasce di pubblico e abbiamo capito che dovevamo mettere l’innovazione al centro delle esigenze dello spettatore. Credo che la Rai sia la prima media company a produrre una cosa di questo tipo. Si legano in questo modo mondi apparentemente diversi, quello dell’editoria, del web, dell’audiovisivo”. Così Paolo Del Brocco, ad Rai Cinema, ha introdotto oggi all’Italian Pavilion di Cannes l’innovativa app Vr targata Rai, per offrire ai propri utenti una vasta gamma di contenuti originali fruibili in realtà immersiva. In linea con le maggiori media company internazionali come Cnn, Bbc, Netflix, Disney, The New York Times, anche la Rai avrà una propria library free di contenuti realizzati in Realtà Virtuale, fruibili attraverso la App 'Rai Cinema Channel Vr'.“Il tentativo è quello di avvicinarsi ai giovani che sperimentano continuamente le nuove tecnologie. Sembra qualcosa di molto complicato, ma in realtà è molto semplice: anziché avere una sola telecamera ce ne sono due. Offriamo a tutti i contenuti in modo gratuito che possono essere fruiti in modo cinematografico”, spiega Carlo Rodomonti, responsabile marketing di Rai Cinema.


Con i visori gli spettatori potranno vivere un’esperienza completamente immersiva nella 'virtual room' di Rai Cinema e potranno scegliere se essere al fianco delle star sui red carpet dei maggiori festival di cinema o assistere a speciali interviste o se essere catapultati nei mondi cinematografici di esclusivi cortometraggi Vr. Con gli smartphone gli spettatori potranno apprezzare la ricchezza e la sorprendente prospettiva offerta dai contenuti in versione Vr 360°, che potranno essere esplorati stando al centro del racconto e scegliendo quale prospettiva utilizzare. L’App Vr di Rai Cinema è un’esperienza visiva unica che lega il cinema con l’entertainment, rivolgendosi ad un pubblico ancora più vasto che supera i confini del pubblico tradizionale che guarda cinema e tv. L’App, in fase di pubblicazione sugli store di Oculus, Samsung, Android e Apple, sarà fruibile sia da smartphone sia da visore. Tutti i contenuti saranno disponibili in Vr 360° anche sul sito di Rai Cinema; i video realizzati in occasione di festival ed eventi verranno lanciati anche su Facebook.

Il mercato del Vr sta crescendo in modo esponenziale in tutto il mondo. Le previsioni della società di consulenza PricewaterhouseCoopers (Pwc) stimano che nel 2022 il valore di questo mercato in Italia raggiungerà i 425 milioni di euro (nel 2017 è stato di 95 milioni di euro). Anche i maggiori festival di cinema del mondo hanno manifestato un interesse verso gli autori che sperimentano questi nuovi linguaggi, come il Festival di Cannes che nel 2017 ha presentato 'Carne y Arena', un’installazione in realtà virtuale scritta e diretta dal regista messicano Alejandro Iñárritu – in seguito vincitore dell’Oscar Special Achievement Award – e la Mostra del Cinema di Venezia che da qualche anno dedica un’intera sezione ad opere in Vr. Le attività di Rai Cinema legate al Vr sono iniziate nel 2018 con l’acquisizione di tre cortometraggi e la realizzazione di contenuti Vr 360° in occasione dei Festival di Venezia e Roma. Sono state prodotte anche due dirette live seguite da oltre 500.000 utenti che hanno avuto modo di vivere su Facebook l’esperienza immersiva del red carpet.

Il commento di Lorenzo Montagna, Presidente Italiano della Vrara (la prima associazione mondiale che raggruppa 125.000 esperti provenienti da 50 Paesi sui temi di Ar e Vr): “Finalmente l’Italia esce allo scoperto sul fronte del cinema in VR. Sono felice di vedere che un’azienda simbolo come Rai Cinema stia muovendosi verso un nuovo modo di far ‘vivere’ il cinema. La realtà virtuale è un nuovo linguaggio, un nuovo media, un nuovo concept creativo che mette le persone al centro della storia, in prima persona, non solo con una visione totale, libera, a 360 gradi, ma anche e soprattutto con una nuova 'impressione' che è quella 'immersiva', con la possibilità di 'muovere' la storia modificandola mentre la si vive. Benvenuti nel nuovo mondo dove il confine tra reale e digitale non è più fantasia'. La rinnovata collaborazione con Vanity Fair mira a valorizzare i contenuti editoriali realizzati da Rai Cinema Channel e a condividerli sulle varie piattaforme del gruppo per raggiungere così un’audience molto estesa, selezionata e di qualità. È inoltre un’occasione importante per dare visibilità ai giovani registi di cortometraggi, e mostrare così sul web il loro talento cinematografico. Vanity Italia sarà la prima rivista del gruppo Condé Nast nel mondo ad avere un’estensione Vr della propria storia di copertina. La prima cover realizzata è quella dedicata a Pierfrancesco Favino, protagonista del film 'Il traditore' di Marco Bellocchio che proprio al Festival di Cannes avrà la sua prima mondiale.

“Ci siamo esaltati di fronte a questa possibilità, e abbiamo deciso di realizzare un video VR della cover di Vanity Fair”, racconta Justine Bellavita di Condé Nast. Nella nuova App di Rai Cinema viene realizzato anche un innovativo placement: gli utenti potranno trovare il magazine di Vanity Fair attraverso il quale accedere a contenuti speciali. L’apertura e l’attenzione al mondo del VR permette a Rai Cinema di riposizionare il suo racconto raggiungendo anche target tipicamente distanti dal mondo Rai sia attraverso il rinnovamento dei linguaggi sia attraverso progetti fortemente innovativi come 'Happy Birthday'. Si parte da una storia – quella che ha vinto il contest Vr lanciato ad ottobre scorso da Rai Cinema insieme alla casa di produzione One More Pictures – ambientata durante la festa di compleanno di 18 anni di una ragazza di nome Sara. La realtà che si cela dietro le apparenze di un party tra amici è lo spunto per affrontare temi complessi come quello dell’isolamento sociale, identificato con il termine giapponese 'Hikikomori', oggi diffuso tra i giovani e giovanissimi.

Partner del progetto è il social magazine di Condé Nast, Experience Is, pensato per una nuova generazione di utenti: Millennials e Generation Z, e che si sviluppa esclusivamente su Facebook e Instagram. Si intitola 'Happy Birthday' questo concept crossmediale, diretto da Lorenzo Giovenga, e prevede la realizzazione di tre contenuti, adattabili a tre differenti canali: un cortometraggio di fiction girato in maniera 'tradizionale'; un cortometraggio realizzato in VR 360°; una story per Instagram e Facebook. Protagonisti del corto sono Jenny De Nucci, giovanissima attrice, scrittrice e star di Instagram e Tik Tok, con oltre 2.5 milioni di follower, e Fortunato Cerlino, attore di cinema e tv, noto al grande pubblico per il ruolo di Pietro Savastano della serie 'Gomorra'. Le musiche originali sono di Achille Lauro. Un cast che permette di realizzare una campagna di sensibilizzazione per raggiungere i ragazzi tra i 15 e i 25 anni: proprio quella fascia di età che è più soggetta all’isolamento sociale e che è più vicina a questo tipo di linguaggio. “L’obiettivo è ambizioso, il percorso è stato lungo: l’idea è quello di realizzare un unico contenuto editoriale ma declinato in maniera diversa. Che varia a seconda della fruizione”, spiega Manuela Cacciamani, producer del corto 'Happy Birthday'.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.