Cerca

Procura Catania apre inchiesta su puntata 'Realiti'

SPETTACOLO
Procura Catania apre inchiesta su puntata 'Realiti'

(Fotogramma)

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta, al momento senza indagati, sulla prima puntata della trasmissione 'Realiti', andata in onda su Rai2 la settimana scorsa. Titolare del fascicolo è il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla Polizia Postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione. Al centro dell'inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici, Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, sui giudici Falcone e Borsellino.


Pandetta è tornato sulle polemiche con un post dalla sua pagina Facebook: "Volevo solo dire che io ho parlato e replicato degli sbagli che ho fatto da adolescente e che ho pagato con consapevolezza. Oggi sono una persona diversa grazie alla musica e al pubblico che mi ha reso ‘Niko Pandetta’. Non ho mai offeso questi due grandi eroi, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che hanno dato la propria vita per una giusta lotta. Oggi sono un uomo diverso e canto per essere ogni giorno una persona migliore".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.