Cerca

'La vita in diretta' con Matano e Cuccarini 'conduttori operai'

SPETTACOLO
'La vita in diretta' con Matano e Cuccarini 'conduttori operai'

di Alisa Toaff


Attualità, cronaca, storie di vita e grandi ospiti del mondo dello spettacolo, della cultura e del giornalismo. Da lunedì 9 settembre torna ‘La vita in diretta’ lo storico contenitore pomeridiano della rete ammiraglia Rai che vedra’ al timone Alberto Matano e Lorella Cuccarini. Il programma fino all’11 ottobre partirà alle 16 e dal 14 ottobre invece tornerà alla sua collocazione tradizionale, quella delle 16,50. La decisione di anticipare la messa in d’onda del programma, ha spiegato il direttore di Raiuno Teresa De Santis nel corso della presentazione del programma, è dovuto al fatto che la nuova stagione della soap ‘Il paradiso delle signore’, "partita all'8 di share e arrivata sopra il 16’", sarà pronta ad ottobre. "Io e Lorella ci siamo trovati subito -ha detto Matano- ci siamo incontrati e abbiamo iniziato a lavorare insieme. Siamo due 'conduttori operai' perché questo programma lo stiamo facendo un po’ noi. Lorella è una grande lavoratrice, una grande professionista ed è sempre molto puntuale; ci accomuna la semplicità perché entrambi facciamo due vite molto semplici e spero che questo ci permetterà di fare una buona ‘Vita in Diretta’".

"Quello che accomuna me e Alberto e’ la grande passione per il lavoro - ha aggiunto la Cuccarini - ‘Vita in diretta’ è uno dei programmi principali del palinsesto di Raiuno, è la mia prima esperienza da ‘quotidiana’ in televisione, la feci in radio e fu un grande impegno’". E sui contenuti la conduttrice spiega: "vorremmo raccontare l’Italia, anche un’Italia molto bella. Ci sono tanti ‘eroi silenziosi’ di cui spesso non si parla e vorremmo parlare anche di questo. Sempre con spirito di servizio e umiltà". "Sono molto emozionato -ha continuato Matano- per me questo è un passaggio che arriva dopo molti anni di lavoro in Rai, 20 anni. In Rai ho fatto molte cose. Ringrazio anche Rai3, perché è la prima rete che ha creduto in me extra tg".

"Alberto e Lorella sono due figure con storie professionali articolate che parlano da sole -ha sottolineato De Santis- 'La vita in diretta' è un contenitore storico, nell'edizione estiva ha fatto registrare una crescita di ascolti dell'1,1% rispetto allo scorso anno". Tra le novità anche lo studio, completamente rinnovato, come spiega la Cuccarini: "Ci sarà spazio per lo spettacolo, lo studio è molto moderno, poliedrico e ci permetterà’ di improntare numeri di spettacolo. Ma non mi metterò io a fare balletti", tiene a precisare. A chi le chiede se, col senno del poi, preferirebbe non aver rilasciato alcune dichiarazioni come quelle in cui si definì ‘sovranista’ la conduttrice ha sottolineato: "Non ho mai rinnegato quello che ho detto in passato e non lo farò certo ora anche se le mie dichiarazioni sono state strumentalizzate".

"La cosa più assurda è che sento che c’è stata indignazione per il fatto che io sia rientrata il tv, quasi fossi l’ultima starlettina raccomandata che non ha invece la storia professionale che ho io che ho superato i 50 anni e lavoro da quando ne avevo 18 con grande passione, determinazione e umiltà". "Adesso - ha aggiunto la Cuccarini - voglio pensare al lavoro e a quello che faremo a ‘La vita in diretta’". In sua difesa è intervenuta anche la De Santis: "Ormai con i social vanno molto di moda i così detti hater, Lorella per me rimane ‘la più amata dagli italiani’, è una grande professionista molto poliedrica, perché può passare dal l’intrattenimento puro, al talk, all’informazione’".

La conduttrice, ha proseguito il direttore di Raiuno, "ha trovato una grande sintonia con Alberto Matano pur venendo da esperienze piuttosto diverse ed è il motivo per cui ho deciso di creare questa coppia e di farli interagire. La sua storia professionale parla da sola’". Ed infine sul flop di ascolti del programma estivo ‘Grand Tour’ condotto proprio dalla Cuccarini la De Santis ha tenuto a precisare: "La media delle 4 puntate di prime time è stato 11,2 per cento di share in linea con una altro nostro grande programma di informazione estivo ‘Super Quark’ che ha avuto come risultato l’11,6 per cento di share. Portare in prima serata un programma storico da day time come ‘Linea Verde’ era un esperimento che si atteneva alle logiche di servizio pubblico’". "Il costo di Gran Tour -ha concluso- è stato un settimo del costo medio di una prima serata di approfondimento o di intrattenimento. Lorella Ha fatto uno sforzo enorme ed è diventata bersaglio di polemiche che sono andate un po' troppo oltre".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.