Cerca

'1917' incassa sette Bafta e corre agli Oscar

SPETTACOLO
'1917' incassa sette Bafta e corre agli Oscar

'1917' di Sam Mendes ha incassato ben sette Bafta, ovvero quelli per il miglior film, miglior film inglese, miglior regia, miglior fotografia, miglior scenografia, miglior sonoro e migliori effetti visivi. Un trionfo 'domestico' questo del film britannico al principale premio cinematografico inglese che potrebbe essere il miglior viatico per un'affermazione analoga agli ormai prossimi Oscar. Anche i bookie danno '1917' come favorito per la statuetta Usa al migliior film, un film che racconta, attraverso uno specifico episodio, il dramma della Grande Guerra enfatizzandolo con un unico piano sequenza.


Al grande vincente dei Bafta si contrappone il grande perdente di questa edizione, 'The Irishman'. Il film diretto da Martin Scorsese non è riuscito a concretizzare neanche una delle sue dieci nomination. Il terzo dei premi per il miglior film, in questo caso straniero e cioè non britannico, è andato a 'Parasite' del coreano Bong Joon-Ho che incassa anche il premio per la migliore sceneggiatura originale. E' stato invece 'Jojo rabbit' di Taika Waititi a vincere il premio per la migliore sceneggiatura non originale. A Renee Zellweger e Joaquin Phoenix i Bafta come miglior attrice e migliore attore protagonisti, rispettivamente per 'Judy' e 'Joker', mentre i riconoscimenti come miglior attrice e miglior attore non protagonisti sono andati a Laura Dern per 'Storia di un matrimonio' e Brad Pitt per 'C'era una volta ad Hollywood'.

Proprio Pitt e Phoenix, con un contributo a distanza il primo e di persona il secondo, hanno 'speziato' la cerimonia, con battute l'uno e con una polemica l'altro. Visto il parterre in gran parte inglese presente alla Royal Albert Hall di Londra, con alla testa il Duca e la Duchessa di Cambridge, William e Kate , Brad Pitt ha pensato bene di battezzare il suo premio Harry perchè "entusiasta di riportarlo negli Usa", con ovvio riferimento al Principe Harry ed alla moglie Megan. Pitt ha anche ironizzato sulla Brexit con le parole "Gran Bretagna, ho saputo che sei diventata single, benvenuta nel club", il tutto in un intervento letto dalla collega di set Margot Robbie. Joaquin Phoenix ha ripreso invece il tema delle polemiche innescate dalle nomination che hanno molto scarsamente rappresentato le persone di colore, una scelta di cui si è rammaricato e con cui, ha detto, "inviamo un messaggio molto chiaro alle persone di colore", ovvero "non sei benvenuto qui".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.