Cerca

Sanremo, è ancora boom

SPETTACOLO
Sanremo, è ancora boom

(FOTOGRAMMA/IPA)

È ancora boom per Sanremo 2020. La quarta serata è stata seguita in media da 9.503.000 spettatori con il 53,3% di share. Una percentuale che il Festival non raggiungeva - in una quarta serata - dal 1999, nell'edizione condotta da Fabio Fazio affiancato da Laetitia Casta e dal premio Nobel Renato Dulbecco.


La prima parte (dalle 21:35 alle 23:54) è stata seguita da 12.674.000 spettatori con il 52,3% di share. La seconda - dalle 23:58 all'1:59 (in realtà è finito dopo le 2:20 ma l'Auditel rileva fino alle 2) - da 5.795.000 spettatori con il 56% di share.

IL CONFRONTO - Il risultato della prima parte è il migliore dal 2013 e nettamente superiore alla prima parte della serata del venerdì dell'anno scorso: nel 2019, la quarta serata era stata seguita nella prima parte (andata in onda in orari abbastanza simili a quest'anno, dalle 21:24 alle 23:39) da 11.170.000 spettatori (circa un milione e mezzo in meno di venerdì) con il 45,5% di share (quasi 7 punti in meno).

La seconda parte della serata del venerdì del Baglioni bis è stata seguita l'anno scorso da 6.215.000 spettatori con il 48,6% di share (ma durò molto di meno, dalle 23:43 alle 0:51). Mentre la media ponderata dell'intera quarta serata l'anno scorso fu di 9.552.000 spettatori, con il 46,1% di share.

AMADEUS - "Si chiude una settimana indimenticabile. Ho detto alla prima conferenza che era un sogno che si realizzava. E il sogno era non solo di condurre il Festival ma di portare al Festival quello che sognavo ed è accaduto" ha detto il conduttore nell'ultima conferenza stampa che precede la finalissima. "Devo recuperare un po' di sonno, ho passato la nottata a cercare Bugo, poi l'ho trovato" scherza il conduttore.

"Il dato che mi rende particolarmente felice è quello dei giovani, avere tra le ragazze l'81% di share è qualcosa di clamoroso - aggiunge Amadeus - L'abbraccio che ho avuto con Marco Sentieri e Leo Gassmann è stato bellissimo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.