Cerca

Lilly Wachowski: "Matrix è una metafora trans"

SPETTACOLO
Lilly Wachowski: Matrix è una metafora trans

Fotogramma /Ipa

"Matrix è una metafora del mondo transgender. Almeno questa era l’intenzione originale, ma il mondo non era ancora pronto a recepire il messaggio". A dirlo è la co-regista dei tre film di 'Matrix' Lilly Wachowski che, insieme alla sorella Lana, rivelò la sua identità sessuale (sono entrambe donne transgender, in passato conosciute come fratelli Wachowski, attualmente come sorelle Wachowski) dopo l’uscita dei film. Per anni i fan hanno speculato sui potenziali significati dell’iconica trilogia e, in un’intervista video per Netflix, la Wachowski ha finalmente confermato una delle teorie, che strizza l’occhio a quanto sostenuto da tempo dalla comunità Lgbt.


Il primo ‘Matrix’ esordì sul grande schermo nel 1999 quando, secondo la regista, “il mondo non era ancora pronto” per un’allegoria sulle persone transgender, che invece hanno preso come punto di riferimento i film. “Vengono da me e dicono che questi film gli hanno salvato la vita”, afferma Wachowski. “Sono grata di essere riuscita ad aiutarli nel loro viaggio”, aggiunge. “Non so quanto la mia transessualità abbia condizionato quello che stavamo scrivendo”, continua la co-autrice della trilogia. “Ma ‘Matrix’ ha sempre riguardato il desiderio di trasformazione, e già nel primo film avevamo il personaggio di ‘Switch’, che era un uomo nel mondo reale ed una donna nella ‘matrice’”.

Fu Lana la prima delle sorelle a dichiarare pubblicamente la “transizione”, raccontando al New Yorker nel 2012 quanto fu difficile accettare la propria identità di genere durante il periodo tra il secondo ed il terzo film. Lilly lo fece quattro anni più tardi, quando nel 2016 non riuscì a sfuggire ad un giornalista del Daily Mail che le si presentò sulla soglia di casa: “Avevo solo bisogno di un po' di tempo per mettere la testa a posto e sentirmi a mio agio, ma a quanto pare non spettava a me deciderlo”, ha dichiarato in seguito al Windy City Times.

“Sono comunque stata fortunata. Avere il sostegno della mia famiglia ed i mezzi per permettermi medici e terapisti mi ha dato la possibilità di sopravvivere a questo processo”, ammette Wachowski nel video. “Le persone transgender senza supporto, mezzi e privilegi non hanno questo lusso. E molte non sopravvivono”. La trilogia di ‘Matrix’ – in particolare il primo film, vincitore di quattro Oscar – compare spesso nelle classifiche dei più grandi film di fantascienza di tutti i tempi. Nel 2022 è previsto l’attesissimo quarto capitolo, diretto, questa volta, solo da Lana Wachowski.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.