Cerca

Mondo Rai/ Appuntamenti e novità

Su Rai1 ultimo appuntamento di “Una storia da cantare” - Su Rai2 'Felicità - La stagione delle buone notizie'

SPETTACOLO
Mondo Rai/ Appuntamenti e novità

(Fotogramma)

È il Festival di Sanremo il protagonista dell’ultimo appuntamento di “Una storia da cantare”, in onda domani, sabato 29 agosto, alle 21.25 su Rai1. Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero raccontano, dall’Auditorium Rai di Napoli, la storia di sei cantautori che, con il loro passaggio sul palco del Teatro Ariston, hanno scritto pagine indelebili: da Vasco Rossi ad Adriano Celentano, passando per Domenico Modugno e Ivano Fossati; e ancora, Sergio Endrigo e Luigi Tenco. Ospiti della puntata: Ermal Meta, Beppe Fiorello, Elio, Irene Grandi, Bugo, Leo Gassman, Serena Rossi, Paola Turci, Stefano Fresi, Fabrizio Moro, Patty Pravo, Renzo Arbore, Sergio Cammariere, Noemi, Giuliano Palma, Giusy Buscemi, i Decibel e Funk Off.


Sting, Zucchero, Renato Zero, Andrea Bocelli, Amii Stewart, Sumi Jo e Beppe Carletti sono tra gli ospiti di Pascal Vicedomini nella puntata di “Felicità - La stagione delle buone notizie” in onda su Rai2 domani, sabato 29 agosto, alle 10.15 (in replica domenica sera dopo La Domenica Sportiva). Il programma, registrato in occasione della festa-spettacolo per il 60° compleanno del flautista Andrea Griminelli, prevede un omaggio ad Ennio Morricone (di cui Andrea è tutt’oggi testimonial della sua musica nei concerti live) e a Luciano Pavarotti (di cui Griminelli è stato il pupillo). Tra gli altri interventi: Luca di Montezemolo, Veronica Berti, Nicoletta Mantovani, Red Ronnie e Anna Falchi.

Il capolavoro di Quentin Tarantino vincitore del Premio Oscar, del BAFTA e del Golden Globe per la Migliore colonna sonora, firmata da Ennio Morricone: è “The Hateful Eight”, in onda sabato 29 agosto alle 20.30 su Rai3. Il film, interpretato da Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Demián Bichir, Tim Roth, Michael Madsen, Channing Tatum e Bruce Dern, è il secondo con ambientazione western di Tarantino, dopo “Django Unchained”. Dopo la fine della guerra civile il cacciatore di taglie John Ruth e la sua prigioniera Daisy Domergue viaggiano in una diligenza verso Red Rock dove Ruth, noto da quelle parti come "Il Boia", porterà la donna dinanzi alla giustizia, per riscuotere una copiosa taglia. A causa di una tempesta di neve, i due sono costretti a fermarsi nel cuore del Wyoming e a loro si unisce un gruppo eterogeneo di sconosciuti che ordisce multipli tradimenti e inganni.

È il noir d’azione di produzione danese “Darkland”, diretto da Fenar Ahmad e interpretato da Roland Møller, Dar Salim e Ali Sivandi, il film in onda domani, sabato 29 agosto, alle 21.20 su Rai4 (canale 21). Per aiutare il fratello minore che si è messo nei guai con una gang, l’affermato chirurgo Zaid dovrà abbandonare la sua professione e gli agi della vita borghese per calarsi nuovamente nel sottobosco criminale frequentato quando era solo un giovane immigrato.

Né melologo né opera lirica, ma un raffinato intreccio di diversi linguaggi espressivi, di musica e parole, lo spettacolo “Sconcerto. Teatro di musica per attore e orchestra” ha animato nel 2018 il palcoscenico del Teatro Verdi di Padova con Elio, Mangoni e l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Marco Angius. Frutto dell’incrocio di tre differenti sensibilità e competenze artistiche - quella di Elio, dello scrittore e poeta Franco Marcoaldi e del compositore Giorgio Battistelli - lo spettacolo viene proposto domani, sabato 29 agosto, alle 22.45 su Rai5. Con la regia di Daniele de Plano, “Sconcerto” si presenta come una sorta di prova d’orchestra felliniana al contrario. Qui non sono i musicisti a ribellarsi, ma è Elio stesso nei panni del direttore d’orchestra a entrare in confusione perdendo ogni capacità di dirigere. Il tentativo di mettere ordine nei propri pensieri prende così la forma di un lungo e allucinato monologo lambito dal suono degli strumenti. Dietro alla convenzione del “concerto” come rito collettivo, il lavoro individua una porta d’accesso alle grandi crepe morali e ideologiche della contemporaneità.

Scritto e diretto da Lorene Scafaria, “The meddler - Un’inguaribile ottimista” è il film proposto domani, sabato 29 agosto, alle 21.10 su Rai Movie (canale 24). Marnie, vedova da qualche tempo, si trasferisce a Los Angeles per stare con la figlia Lori (Rose Byrne), una sceneggiatrice di serie tv reduce da una problematica rottura sentimentale. Entusiasta per il cambiamento e con tanti soldi ereditati da spendere, Marnie comincia a costruirsi una nuova vita. Nel cast anche J. K. Simmons, Laura San Giacomo e Cecily Strong.

A 40 anni esatti dalla scomparsa avvenuta il 29 agosto 1980, Rai Cultura ricorda sul suo canale Rai Storia Franco Basaglia, il più influente psichiatra del XX secolo, promotore di una legge rivoluzionaria, ma anche discussa, che nel 1978 aprì le porte degli ospedali psichiatrici fino a quel momento molto più simili a un carcere che a dei luoghi di cura. La programmazione dedicata si apre domani, sabato 29 agosto, alle 18.30 con lo storico reportage realizzato da Sergio Zavoli per Tv7 nel 1969 “I giardini di Abele”. Il giornalista entra nell’Ospedale psichiatrico di Gorizia, dove, nel novembre 1962, l’equipe diretta da Franco Basaglia, aveva trasformato un reparto in “comunità terapeutica”, abbattendo le recinzioni e aprendo i cancelli. Nel servizio, Sergio Zavoli intervista Basaglia sul valore di denuncia civile dell’esperimento di apertura del reparto e sull’assenza di cura dei malati psichiatrici nelle strutture tradizionali detentive. Alla domanda conclusiva di Zavoli: “Le interessa più il malato o la malattia?”, Basaglia risponde: “Decisamente il malato”. Alle 20.30 in “Passato e Presente”, Paolo Mieli e la professoressa Vinzia Fiorino raccontano il percorso che portò Franco Basaglia, in circa un ventennio, a rivoluzionare la psichiatria. Si parte dall’arrivo dello psichiatra a Gorizia nel 1961, si analizza la nascita, nel 1973, del gruppo di studio e di lavoro “Psichiatria Democratica”, che Basaglia fonda con la moglie e collaboratrice Franca Ongaro, per promuovere un rinnovamento radicale della normativa psichiatrica e il superamento definitivo dell’istituzione manicomiale. Si arriva al 13 maggio 1978 quando viene approvata la legge 180 che, tra i vari provvedimenti, abolisce gli ospedali psichiatrici.L’omaggio su Rai Storia si chiude alle 21.10 con il film “La seconda ombra”, proposto per il ciclo Cinema Italia. È il racconto della vicenda umana e professionale di Basaglia come nuovo direttore dell'ospedale psichiatrico di Gorizia. È una sera d'estate quando il medico convoca i pazienti nel parco dell'ospedale e propone loro di abbattere il muro di cinta che separa la città dalla loro realtà. Così, poeticamente, 500 "reclusi" iniziano ad abbattere il muro che nasconde al mondo la loro condizione.

In occasione dell’anniversario della nascita (22 agosto 1862), per lo spazio “Sabato classica”, in onda domani alle 19.15 su Rai5, Rai Cultura rende omaggio a Claude Debussy con un’esibizione del pianista Arturo Benedetti Michelangeli che esegue "Images per pianoforte - I e II serie". L’esibizione è tratta da una puntata della serie del 1987 “Grandi interpreti”, condotta da Roman Vlad. A seguire il concerto dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Jeffrey Tate, che esegue “Images per orchestra – III serie”. Regia Paola Longobardo.

La puntata di Overland 18, in onda dmani, sabato 29 agosto, alle 6.00 su Rai1, parte dall’Italia e racconta anche la preparazione del viaggio, dalla livrea dei veicoli alla rinnovata carovana che sarà la casa del numeroso team per tre mesi. Filippo Tenti è ormai un esperto capo spedizione e Beppe Tenti, suo padre, torna in viaggio con lui. Dall’Italia si passa per Austria, Repubblica Ceca, Polonia e Bielorussia, una nazione che fu teatro di duri conflitti militari durante il novecento, sempre sotto il dominio di altre potenze, con un passato che ha segnato per sempre la popolazione, mite e remissiva. Il presente però è costellato di rivolte contro un regime dittatoriale che limita la libertà e il progresso del Paese. Il viaggio prosegue poi in Ucraina con la possibilità di entrare nella zona rossa del conflitto tra separatisti filo-russi e governo ucraino che da anni ormai affligge la Nazione. Vicino Kiev, il team incontra alcuni profughi della guerra che hanno abbandonato le loro case situate oltre il fronte. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) fa il punto della situazione e autorizza l'intera spedizione e i suoi veicoli a entrare nella zona contestata. Questa puntata è la prima dello "Speciale Overland 18: Le strade dell'Islam” che percorrerà via terra il Centro Asia e il Medio Oriente.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.