Cerca

Conti: "Auguri a Panariello, insieme da 35 anni, legame fortissimo"

SPETTACOLO
Conti: Auguri a Panariello, insieme da 35 anni, legame fortissimo

"Ci conosciamo da 35 anni. Lui aveva 25 anni e io 24. Abbiamo passato una vita insieme fatta di gavetta e di crescita. Il rapporto professionale ha viaggiato parallelamente a quello umano e di amicizia. Ho condiviso tutta la mia vita dai 25 in poi. E' un legame fortissimo. Un legame sottilissimo che anche quando non ci siamo, perché uno è da una parte e l'altro dall'altra, però ci siamo". Carlo Conti fa gli auguri a Giorgio Panariello, che oggi compie 60 anni, raccontando all'Adnkronos quanto sia profondo il loro rapporto.


Un rapporto fatto ancora di "goliardia: noi ci facciamo gli scherzi come dei ragazzini, anche in onda, come è successo venerdì sera", dice il conduttore di 'Tale e Quale Show' , spiegando così che la protesta spiazzante di Panariello, che all'improvviso se ne è andato dal programma, non stata altro che un gioco: "Dopo aver fatto gli auguri a Loretta Goggi che ieri ha compiuto 70 anni, ho mandato a sorpresa anche un video per fare gli auguri a Giorgio. Un video di Renato Zero che cantava 'Vecchio...diranno che sei vecchio'', allora lui se ne è andato fingendo una protesta".

Oggi Panariello, facendo gli auguri a se stesso su twitter ha detto, 'ora si comincia a fare sul serio'. Cosa avrà voluto dire secondo il suo amico Carlo Conti? "In realtà abbiamo già fatto tanto. E 35 anni fa, quando ci siamo conosciuti, non avremmo mai immaginato di riuscire ad arrivare dove siamo arrivati. Non era nemmeno nei sogni. Noi facevamo le cose per il gusto di farle con energia ed entusiasmo. Bastava che fosse il nostro mestiere, dove ci avrebbe portato non lo sapevamo. Non avevamo obiettivi precisi. A Giorgio auguro di fare ancora, di godersi ancora l'entusiasmo che ha avuto finora. Lui ha sempre la forza di migliorarsi, di crescere. Lui non si accontenta mai, quindi, capisco cosa abbia voluto dire con quella frase. Ovviamente - conclude sorridendo Conti - Auguri a Giorgio con una certa potenza nei bracci, come direbbe Mario il bagnino", celebre personaggio inventato da Panariello.

(di Veronica Marino)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.