Cerca

Gf Vip, il manager di Selvaggia Roma contro gli hater

SPETTACOLO
Gf Vip, il manager di Selvaggia Roma contro gli hater

Quanto è accaduto "è tristemente reality, il suo è un peccato veniale". Così Giulio Borgognoni, manager di Selvaggia Roma sulle polemiche social che si sono scatenate sul web in seguito all'ammissione da parte dell'influencer, in un video postato stamane su Instagram, di essere lei la concorrente che doveva entrare nella Casa del 'Gf Vip' risultata positiva al Covid. A scatenare gli hater l'intervista rilasciata dalla stessa Roma ieri all'Adnkronos dove invece l'influencer aveva negato di essere a concorrente contagiata affermando di aver fatto il tampone e che il risultato era negativo. "Selvaggia -continua Borgognoni- ha sicuramente sbagliato nel dichiarare alla giornalista dell'Adnkronos di 'scoppiare di salute', ma quest'errore va annoverato come un peccato veniale di una ragazza giovane che si è vista sfumare, almeno per ora, l'opportunità dell'ingresso nella casa più spiata d'Italia proprio quando era a pochi passi dalla porta’’.


La Roma, aggiunge ancora il manager, "si è immediatamente scusata con tutti per quelle dichiarazioni non veritiere rilasciate, fra l'altro, in un momento di profonda delusione. Io stesso le avevo raccomandato la più assoluta riservatezza, e ha dimostrato profondo senso di responsabilità nel voler chiarire fermamente di non aver avuto contatti con nessuno degli altri concorrenti che avrebbero dovuto entrare nella casa’’. 

L’influencer "è risultata positiva al Covid, mi riferiscono con una carica virale molto bassa -spiega il manager- e ora siamo in attesa della possibilità di ripetere i tamponi nella speranza che si sia negativizzata in modo da poter riprendere ogni discorso lasciato in sospeso’’.

"Quanto ai vari personaggi o presunti tali che in questi giorni si sono affannati sui social ad augurarle la morte per Covid mi limito a dire che tanto cattivo gusto dovrebbe far passare l'appetito anche a gente 'affamata' come loro", conclude Borgognoni. 



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.