cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 08:09
Temi caldi

Iran: Ebadi, con Rohani nessun progresso su diritti umani

29 novembre 2014 | 11.26
LETTURA: 1 minuti

alternate text

"Non c'è stato alcun miglioramento" sul piano dei diritti umani in Iran dall'elezione del presidente moderato Hassan Rohani, avvenuta a giugno 2013. Lo ha dichiarato il Nobel per la Pace, Shirin Ebadi, in un'intervista ad al-Arabiya.

La Ebadi ha spiegato che la comunità internazionale potrebbe agire in modo tale da "costringere la leadership iraniana a ripensare le sue politiche", in particolare non accettando "il denaro sporco" della Repubblica islamica, ovvero quel denaro che - secondo il premio Nobel - sarebbe originato da corruzione. Oppure impedendo a "chi viola" i diritti umani l'ingresso in un paese straniero.

"Sono contraria a un attacco militare contro l'Iran, ma sono anche contraria alle sanzioni perché colpiscono duramente la popolazione", ha aggiunto la Ebadi, ribadendo che ci sono modi per "indebolire il governo senza danneggiare la popolazione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza