cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 09:23
Temi caldi

Iran: sterilizzazione fuorilegge, si' del Parlamento in prima lettura

25 giugno 2014 | 16.36
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Aki) - Il Parlamento di Teheran ha approvato in prima lettura un disegno di legge che criminalizza la vasectomia, la legatura delle tube e altre forme di sterilizzazione. Lo rende noto la stampa iraniana spiegando che il disegno di legge è passato in prima lettura grazie all'approvazione di 106 dei 207 deputati presenti. L'obiettivo è quello di alzare il livello di crescita della popolazione, che l'anno scorso ha registrato un aumento limitato all'1,2 per cento, il piu' basso del Medioriente. Dopo vent'anni durante i quali le autorita' iraniane hanno promosso il controllo delle nascite, anche la Guida Suprema iraniana Ayatollah Ali Khamenei ha chiesto al Parlamento di approvare leggi che garantiscano un aumento del numero delle nascite con l'obiettivo di raddoppiare la popolazione dagli attuali 77 milioni a 150 milioni entro 50 anni.

Considerata l'opposizione di alcuni deputati iraniani a considerare la sterilizzazione come un reato, la legge è stata rimandata alla Commissione parlamentare che si occupa di Sanita' per modifiche. Il disegno di legge, comunque, prevede da due a cinque anni di carcere per operazioni non autorizzate come vasectomia, aborto, legature della tube di Falloppio e altre forme di sterilizzazione. Attualmente l'aborto è fuorilegge in Iran tranne che in alcuni casi speciali, mentre le altre operazioni sono permesse.

Secondo dati ufficiali, tra il 2011 e il 2012 circa 3,5 milioni di iraniani hanno usufruito dei programmi del ministero della Sanita' mirati a prevenire gravidanze. In questo periodo 1,3 milioni di donne hanno ricevuto pillole contraccettive distribuite dal governo e 70mila si sono sottoposte all'intervento per la legature delle tube. A circa 30mila uomini è stata effettuata la vasectomia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza