cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 12:09
Temi caldi

Iraq: Ahmed Rashid, miliziani Isil sono i nuovi Talebani (2)

03 luglio 2014 | 13.10
LETTURA: 2 minuti

(Aki) - Rashid osserva quindi come, analogamente a quanto accaduto con i seguaci del mullah Omar, "sinora la guerra dell'Isil sia stata per la conquista di territori" e non si sia concentrata sull'avvio di un "jihad globale nello stile di al-Qaeda" e come nonostante il gruppo sia riuscito a reclutare "circa tremila combattenti, la vera guerra dell'Isil sia contro gli stessi musulmani, in particolare gli sciiti".

Se i Talebani non hanno mai potuto contare su "più di 25mila uomini", il nucleo forte dell'Isil - scrive il giornalista pakistano - "probabilmente conta meno di 10mila combattenti addestrati". "Così come nel caso dei Talebani i successi dell'Isil sono costruiti sulle competenze militari" e, ricorda l'esperto, "così come l'Isil, dopo anni di preparazione e reclutamento in Siria e Iraq, ha rovesciato Mosul e altre importanti citta' irachene in poche settimane, i Talebani nel 1994 hanno conquistato tutto il sud e l'est dell'Afghanistan con un'offensiva durata pochi mesi".

Non solo, ma i miliziani sunniti dell'Isil come i Talebani sono entrambi "preparati" per un "lungo" impegno. Allo stesso modo in cui i Talebani del Pakistan e dell'Afghanistan considerano i loro Paesi come fossero uno solo quando si tratta di combattere il nemico, l'Isil "sta ora utilizzando le tattiche perfezionate in Siria per conquistare le città irachene" e "sta ora utilizzando i territori di Siria e Iraq per continuare a sopravvivere più facilmente". Prima dei miliziani sunniti dello 'Stato islamico dell'Iraq e del Levante', i Talebani afghani avevano stabilito le loro roccaforti in Pakistan. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza