cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 13:21
Temi caldi

Iraq: in sermone venerdì Iran condanna Isil, anti-Islam e minaccia pace

04 luglio 2014 | 18.01
LETTURA: 2 minuti

(Aki) - Lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isil) ha un approccio che va contro l'Islam, minaccia la pace del mondo, la sicurezza globale e tutte le religioni. E' il monito lanciato dall'ayatollah iraniano Mohammed Ali Movahhedi Kermani, che ha guidato la preghiera del venerdi' a Teheran, durante la quale ha condannato gli atti terroristici compiuti dai jihadisti e l'uccisione da parte loro di altri musulmani. ''Grazie a Dio l'Isis sta per essere sconfitto e l'esercito iracheno sostenuto dal popolo dell'Iraq e' determinato contro questo gruppo terroristico'', ha detto l'Ayatollah Kermani, che ha accusato ''i poteri globali oppressori'' per la formazione e il finanziamento di questi gruppi terroristici, come l'Isis e al-Qaeda.

Citato dall'agenzia di stampa Irna, l'Ayatollah Movahhedi-Kermani ha poi detto di essere grato alla cultura del martirio e del jihad nel mondo islamico. Sono oltre un milione gli iracheni che sono fuggiti dalle loro case da quando, nella notte tra il 9 e il 10 giugno, i miliziani dell'Isis hanno preso il controllo di Mosul prima e di Tikrit e altre citta' del nord ovest dell'Iraq poi. A giugno nel Paese sono state uccise almeno 2.461 persone, secondo dati delle Nazioni Unite.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza