cerca CERCA
Martedì 25 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:17
Temi caldi

Iraq: Is giustizia 13 adolescenti che guardavano partita calcio

20 gennaio 2015 | 08.36
LETTURA: 1 minuti

Giustiziati in pubblico a Mosul a colpi di mitragliatrice, i loro corpi rimasti in piazza per giorni. Secondo l'interpretazione estremista del Corano seguita dai jihadisti, guardare le partite, così come svolgere altre attività ricreative, è contrario all'Islam

alternate text

Lo Stato islamico ha giustiziato 13 adolescenti 'colpevoli' di aver guardato la partita di calcio della Coppa d'Asia tra la nazionale irachena e quella giordana. La vicenda risale al 12 gennaio, ma è stata resa nota solo nelle scorse ore dagli attivisti del gruppo 'Raqqa viene massacrata in silenzio'.

I 13 tifosi sono stati sorpresi da militanti dell'Is a tifare per la loro nazionale davanti alla tv a Mosul, città sotto il controllo dei jihadisti dalla scorsa estate. Secondo gli attivisti, i ragazzi sono stati prelevati nel quartiere al-Yarmouk e sono stati portati in piazza, dove i jihadisti hanno spiegato la loro 'colpa' e pronunciato la loro condanna con un megafono e li hanno poi uccisi a colpi di mitragliatrice davanti alla folla.

"I corpi sono rimasti in piazza e neanche i loro genitori sono riusciti a prelevarli, per paura di essere uccisi dall'organizzazione terroristica", si legge sul sito dell'ong. Secondo l'interpretazione estremista del Corano seguita dai jihadisti dell'Is, guardare le partite di calcio, così come svolgere altre attività ricreative, è contrario ai principi dell'Islam.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza