cerca CERCA
Mercoledì 07 Dicembre 2022
Aggiornato: 07:02
Temi caldi

Iraq: Maliki, ambasciate straniere colpevoli di cospirazioni

16 luglio 2014 | 14.23
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Alcune ambasciate in Iraq sono responsabili di "cospirazioni". Lo ha detto il primo ministro iracheno, lo sciita Nuri al-Maliki, commentando la crisi nel nord del paese, dove da inizio giugno è in corso l'offensiva jihadista dello Stato Islamico (Isil).

"Non dobbiamo aprire la porta ai diplomatici di alcuni paesi che covano l'ambizione di interferire e controllare il popolo iracheno", ha aggiunto Maliki, citato dal sito Almada Press. "Alcune ambasciate sono diventate sedi di incontri", ha affermato il premier, senza far riferimento specifico ad alcun paese straniero.

L'Isil controlla diverse aree del nord dell'Iraq, tra cui Mosul, la seconda città più importante del paese caduta nelle mani dei miliziani sunniti in seguito alla fuga delle forze governative. Da ieri è in corso un'offensiva dell'esercito regolare per riprendere Tikrit.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza