cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 18:56
Temi caldi

Ricerca: Irccs di neurologia in rete, al Neuromed la Notte dei Ricercatori

30 settembre 2016 | 15.30
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto dal profilo facebook di Neuromed)

E' iniziato nell'Istituto Neuromed di Pozzilli (Is) il meeting 'La rete degli Irccs delle Neuroscienze e della Riabilitazione: una piattaforma per l’Europa', che vede il confronto tra i rappresentanti degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico impegnati nelle scienze neurologiche. Il simposio, che apre la manifestazione 'Notte dei Ricercatori Neuromed', rappresenta l’occasione per mettere a confronto le esperienze e puntare ad una rete che, unendo gli Irccs di quello che rappresenta uno dei campi della biomedicina più denso di promesse, potrà dare un contributo fondamentale al ruolo che il nostro Paese giocherà nei prossimi anni sullo scenario internazionale.

"Il ministero della Salute – ha detto nel suo intervento introduttivo Giselda Scalera, della Direzione generale Ricerca e innovazione in sanità del ministero della Salute - crede fortissimamente nella ricerca. E fare rete significa ottimizzare al massimo le risorse, per creare condizioni ottimali per il Sistema Paese". "Quello degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico – ha aggiunto Carlo Caltagirone, direttore scientifico della Fondazione S. Lucia di Roma – è un modello molto forte. Non è solo una ricerca che raggiunge nel più breve tempo possibile il paziente. E' dagli stessi pazienti che vengono quesiti forti, che spingono i ricercatori verso strade innovative".

Resta aperta la questione di finanziare adeguatamente e correttamente la ricerca, come ha sottolineato Luigi Frati, direttore scientifico dell’Irccs Neuromed: "L’importanza dell’investimento scientifico va sostenuta non solo per creare occupazione ma anche per creare innovazione. Dobbiamo fornire al mondo scientifico gli strumenti adatti, che possono venire anche da un adeguato sostegno economico".

Al termine del meeting inizierà la vera e propria festa della scienza rappresentata dalla Notte dei Ricercatori. Le porte dei laboratori Neuromed saranno aperte per un confronto tra cittadini e ricercatori. Per capire meglio, porre domande e confrontarsi sui progressi, le difficoltà e il fascino del mestiere della scienza.

Le iniziative per la Notte dei Ricercatori

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza