cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Irisbus: raggiunto accordo per cig addetti stabilimento Valle Ufita

13 maggio 2014 | 15.58
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Napoli, 13 mag. - (Labitalia) - E' stata raggiunta l'intesa per la cassa integrazione in deroga per circa 300 lavoratori dello stabilimento Irisbus di Valle Ufita, in provincia di Avellino. L'accordo è stato preso nel corso di un incontro tra l'assessore al Lavoro della Regione Campania Severino Nappi, i rappresentanti dell'Unione industriali di Avellino, l'azienda Irisbus e i sindacati Fiom, Fim, Uilm, Fismic e Failms.

L'accordo prevede la cassa integrazione in deroga da luglio a dicembre 2014 e, sostiene il segretario generale Uilm Campania Giovanni Sgambati, "toglie ogni alibi di tempo al Ministero dello Sviluppo economico e all'imprenditore che è interessato a rilevare le attività industriali". In occasione del prossimo incontro al Mise previsto per il 28 maggio, spiega Sgambati, "sarebbe importante non solo la presentazione dl piano industriale, ma anche i tempi e le scadenze certe per i sei mesi rimanenti del 2014 al fine di riprendere l'attività produttiva".

"La Regione oggi conferma la proroga degli ammortizzatori in deroga per tutti i lavoratori di Irisbus, per consentire il loro trasferimento alle dipendenze del nuovo soggetto imprenditoriale. Il rilancio dell'attività produttiva nel territorio irpino e, con esso, la salvaguardia dell'impresa e del lavoro, è la condizione che abbiamo posto per dare un senso all'utilizzo delle risorse pubbliche". Lo ha dichiarato l'assessore al Lavoro della Regione Campania, Severino Nappi, alla luce dell'intesa raggiunta con azienda e sindacati sulla cassa integrazione in deroga per circa 300 lavoratori. "Abbiamo fatto la nostra parte, adesso tocca al Governo chiudere l'operazione", aggiunge Nappi ricordando l'incontro del 28 maggio al Ministero dello Sviluppo economico "tra Regione, Governo e il nuovo titolare che ha rilevato lo stabilimento avellinese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza