cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 00:35

Israele, scontri al Muro del pianto: botte e spintoni fra ebrei ultraortodossi e riformisti

02 novembre 2016 | 16.35
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)
Gerusalemme, 2 nov. (AdnKronos)

Scontri senza precedenti sono scoppiati oggi al Muro del pianto a Gerusalemme fra ebrei ultraortodossi e non. Tutto è cominciato quando un corteo di circa 200 rabbini e fedeli dell'ebraismo Riformista e Conservatore, assieme ad attiviste del gruppo "donne del muro", si è diretto verso il luogo sacro. Scopo della marcia, a cui partecipavano anche leader ebraici venuti dall'estero per una riunione dell'Agenzia Ebraica, era ribadire la richiesta di un luogo paritario dove donne e uomini possano pregare assieme davanti al Muro del pianto.

Ma gli ultraortodossi presenti hanno aggredito fisicamente i partecipanti alla marcia, con botte e spintoni, tanto che il sito di Haaretz ha parlato di "scene di pandemonio e di una violenza senza precedenti". Il primo ministro Benyamin Netanyahu ha poi stigmatizzato la marcia, accusando gli organizzatori di una "rottura unilaterale dello status quo" al Muro del pianto che "mina i nostri sforzi di trovare un compromesso".

All'origine dello scontro vi è la mancata applicazione del compromesso deciso il 31 gennaio dal governo israeliano per la costruzione di un'area per preghiere paritarie. L'area non è mai stata realizzata su pressione dei partiti ultraortodossi che fanno parte del governo Netanyahu.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza