cerca CERCA
Martedì 28 Settembre 2021
Aggiornato: 08:31
Temi caldi

Italexit, botta e risposta Borghi-Gualtieri

05 dicembre 2019 | 14.45
LETTURA: 2 minuti

L'uscita dall'euro e il battibecco a distanza fra il leghista e il ministro: "Non è un tabù", "Lega nemica degli interessi dell'Italia"

alternate text
(Fotogramma /Ipa)

L'Italexit scalda gli animi di opposizione e maggioranza. A dare il via allo scontro è il parlamentare della Lega e presidente della Commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, che in diretta da Agorà lancia la bomba: dell'uscita dell'Italia dall'euro "non ne parlavamo quando eravamo al governo perché c'era un accordo per non parlarne. Io penso che in ogni caso nessun argomento possa essere tabù". "E' vietato - ha quindi chiesto Borghi - presentare e rappresentare le istanze di questo 25% di persone? Io penso sia un dovere rappresentare le istanze del 25% di persone. Poi per far qualsiasi cosa ci vuole la maggioranza", ha aggiunto rispondendo alla domanda se in un futuro governo possa essere riproposta l’uscita dell’Italia dell’euro.

"Se si facesse quello che dice Claudio Borghi, gli italiani perderebbero molti soldi. Il valore dei loro stipendi, dei loro salari, delle loro pensioni verrebbe drasticamente ridotto. L'Italia sarebbe declassata a Paese molto più povero", la replica del ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, che attacca: "E' noto che Claudio Borghi e la Lega sono per l'uscita dall'euro: si confermano nemici degli interessi dell'Italia, della tutela del risparmio degli italiani".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza