cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Italia in top ten mete congressi medici, con la crisi eventi piu' brevi

26 maggio 2014 | 16.24
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Roma, 26 mag. (Adnkronos Salute) - Continua a crescere il numero dei congressi. L'Europa è una calamita, e l'Italia è ancora nella top ten delle mete scelte. Se le scienze mediche sono 'regine' in questo campo per numero di eventi, cresce il settore tecnologico. Ma in questi anni il morso della crisi si è comunque fatto sentire: i meeting sono diventati più brevi - da 6,3 giorni negli anni '60 a 3,8 nel 2008-12 - e piccoli: da 1.253 partecipanti negli anni '60 a 428 nel 2008-12. E' quanto emerge dallo studio 'Domanda associativa: caratteristiche e tendenze oggi' realizzato da Meeting Consultants per il Convention Bureau della Riviera di Rimini.

In ogni caso, a conti fatti il settore 'tiene botta': negli ultimi 25 anni il fatturato è sempre cresciuto: da 18,8 miliardi di dollari nel periodo 1993-1997 a 56,4 miliardi nel periodo 2008-2012. Appare chiaro, tuttavia, un trend verso "il contenimento della spesa: riduzione dei servizi collaterali, tagli di budget nelle aree operative, negoziazione e richieste sempre crescenti da parte della clientela. Risultato, scende la spesa media complessiva per congresso rispetto agli anni '90: 1.028,027 dollari nel periodo 2008-2012 contro 1.114.637 dollari nel periodo 1993-1997".

L'Europa attrae il numero maggiore di congressi associativi internazionali: il 54% nel quinquennio 2008-2012. Negli ultimi 50 anni, inoltre, l'Italia è sempre stata tra le prime 10 nazioni che ospitano congressi associativi internazionali.

Nel 2012 eravamo al sesto posto della classifica generale, alle spalle di Usa, Germania, Spagna, GB, Francia, "ma l'assenza di una strategia di promozione nazionale - scrivono gli autori del rapporto - non ci ha consentito di agganciare la ripresa evidenziata a livello internazionale, già a partire dal 2008".

Sempre a livello internazionale i principali ambiti tematici dei congressi associativi riguardano: le scienze mediche (17,2%), il segmento scientifico (13,0%) e quello tecnologico, oggi al secondo posto con il 14,5%. I congressi associativi internazionali sono quelli caratterizzati dalla spesa pro capite più elevata: 678 dollari al giorno nel periodo 2008-2012.

Dunque "a fronte del calo dimensionale (circa -20%), il numero dei congressi nazionali tiene, quelli di ambito europeo addirittura crescono". In Italia il mercato associativo rappresenta, poi, il secondo segmento di domanda per numero di incontri promossi (secondo l'Osservatorio congressuale italiano) e al suo interno la maggioranza degli eventi sono organizzati dalle associazioni scientifiche (13%), mentre le altre tipologie di associazioni compongono l’11% del mercato.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza