cerca CERCA
Venerdì 23 Aprile 2021
Aggiornato: 00:40
Temi caldi

Italia regina nel mondo per il lusso, la corona va a Luxottica

02 giugno 2016 | 15.50
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Italia leader al mondo per numero di società che operano nel mondo della moda e del lusso. E' quanto emerge dal terzo report annuale Global Powers of Luxury Goods diffuso da Deloitte. Con 29 aziende nella Top 100, l’Italia vanta più del doppio del numero di società operanti nel lusso basate negli Stati Uniti (14 aziende), che è il secondo Paese in classifica. Inoltre il tasso di crescita delle vendite dei beni di lusso italiani è aumentato fino al 6,9% nel 2014, in accelerazione rispetto al 4,3% dell'anno precedente.

Tuttavia le aziende italiane contribuiscono solo per il 17% al fatturato di beni di lusso della Top 100: ciò è da imputarsi alla struttura prevalentemente famigliare che le caratterizza (24 delle 29 aziende, infatti, sono di proprietà o gestite dalla famiglia proprietaria) e alla dimensione molto più ridotta (in media 1,3 miliardi di dollari di ricavi dalle vendite di beni di lusso, rispetto a 5,2 miliardi di dollari delle società francesi). Luxottica, unica italiana nella Top 10, è la quarta società al mondo per fatturato; seguono fra le italiane Prada (15esimo posto) e Giorgio Armani (21esimo posto).

L'andamento complessivo delle aziende italiane è fortemente influenzato dai risultati dei primi tre operatori, Luxottica, Prada e Giorgio Armani, che nel 2014 hanno rappresentato quasi la metà delle vendite totali delle 29 società tricolori in classifica. Luxottica, in particolare, è cresciuta del 4,6% (6,1% a cambi costanti), un ritmo più veloce rispetto all'anno precedente, principalmente grazie al buon andamento in Nord America e all'acquisizione di glasses.com, un player digitale nel settore dell'occhialeria del Nord America.

La classifica riserva altre sorprese per i campioni nazionali: otto aziende italiane rientrano nella classifica dei 'Fastest 20', ovvero un sottoinsieme delle Top 100 rappresentato dalle 20 aziende con il più veloce tasso di crescita composto di vendite dal 2012 al 2014. Marcolin, società dell’occhialeria, ha segnato la più alta crescita annua tra tutte le aziende della Top 100, pari al 70,6%, principalmente per l'acquisizione effettuata nel dicembre 2013 della statunitense Viva International.

La più grande azienda italiana fra le 'Fastest 20' è Valentino Fashion Group che registra una crescita delle vendite anno su anno del 31,7%, guidata dalle nuove aperture di negozi e dalla forza internazionale del marchio. In particolare, sono 7 i Paesi del mondo che da soli coprono l’84% delle aziende presenti nella Top 100 e il 90% delle vendite di beni di lusso a livello mondiale. Tra questi a spiccare è l’Italia, primo Paese per società 'high performer', con 6 delle 15 realtà che affiancano una crescita a doppia cifra delle vendite a una crescita a doppia cifra del margine operativo: Giorgio Armani, Moncler, Liu.Jo e Euroitalia insieme alle new entry Stefano Ricci e Vicini (Giuseppe Zanotti).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza