cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 00:26
Temi caldi

Ambiente: certificazioni, Italia terza in Ue per Emas

05 novembre 2014 | 19.01
LETTURA: 2 minuti

Le Iso14001 sono16.519 (+4,5 volte negli ultimi 10 anni) e ci sono 20.000 prodotti Ecolabel

alternate text

La responsabilità sociale e il reporting delle performance di sostenibilità fanno ormai parte della valigia ambientale delle imprese attraverso approcci, metodi e strumenti articolati e complessi. Una nuova Direttiva ha stabilito, poi, che, dal 2017, circa 6.000 grandi imprese dovranno fornire informazioni su temi non economici tra cui l’ambiente. Oggi per misurare la qualità ambientale dei prodotti si è sviluppata una serie di strumenti e l’Italia è ben posizionata: le certificazioni Iso14001 sono16.519 (+4,5 volte negli ultimi 10 anni), quelle Emas sono 1.591 (+8 volte negli ultimi 10 anni e per questa certificazione l’Italia è terza in Europa) e ci sono 20.000 prodotti Ecolabel.

E' quanto emerso da una delle sessioni tematiche di approfondimento degli Stati Generali della Green Economy, che si sono aperti oggi a Rimini in occasione di Ecomondo. Per valutare gli impatti di un prodotto “dalla culla alla tomba” c’è il Life Cycle Assessment (Lca). Questo nuovo strumento, licenziato dalla Commissione UE, è l’impronta ambientale che potrebbe far convergere il reporting d’impresa e l’etichetta ecologica di prodotto. In Italia, nel 2010, il Ministero dell’Ambiente ha avviato una sperimentazione sull’impronta ambientale di circa 200 imprese del Made in Italy in 13 comparti prediligendo tra gli indicatori ambientali la carbon footprint.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza