cerca CERCA
Lunedì 08 Marzo 2021
Aggiornato: 13:21
Temi caldi

Italiani a New York, il Covid mette in ginocchio il made in Italy, ma la parola d'ordine è Hope

16 aprile 2020 | 17.36
LETTURA: 2 minuti

di Valerio Masia
Tornare alla vita di prima. Lo spera Enrico, uno dei tantissimi italiani che si sono trasferiti nella Grande Mela. Lui da 10 anni. E’ Marketing director della Vias import. Società, nata agli inizi degli anni 80 per introdurre le migliori etichette di vino italiano del nostro Paese negli States. Ma ora gli Usa sono il primo Paese al mondo per decessi e contagi e le immagini delle fosse comuni sull’isoletta di Hart Island, al largo del quartiere del Bronx che da oltre 150 anni viene utilizzata per seppellire chi non può permettersi funerali o posti al cimitero fanno ora veramente paura come le sirene delle autoambulanze che si levano da Central Park. Ne abbiamo parlato con lui e con tanti altri. E c'è anche chi ha perso il lavoro. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza