cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 16:05
Temi caldi

Italiani attenti agli sprechi, 8 su 10 controllano le scadenze del cibo

01 agosto 2015 | 11.57
LETTURA: 4 minuti

Sette consigli utili per ridurre lo spreco di alimenti

alternate text
(INFOPHOTO) - (INFOPHOTO)

A fronte dei miliardi di tonnellate di cibo gettato nella spazzatura, c’è un miliardo di persone al mondo che non ha accesso a sufficienti risorse alimentari. "L’Italia è oggi tendenzialmente attenta agli sprechi, è migliorata rispetto al 2013, sa leggere le etichette e controlla se il cibo scaduto è ancora buono prima di gettarlo (lo fa l’81% degli italiani). Ma l’educazione riveste un ruolo fondamentale per gettare le basi di un futuro migliore".

A spiegarlo è il ministero della Salute che con i suoi esperti e l'aiuto di Barbara Paolini, medico e specialista in Scienza Alimentazione dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena, ha promosso all'Expo di Milano l’evento 'Educare gli studenti alla lotta agli sprechi alimentari, a casa ed a scuola'.

"Da un rapporto del gennaio 2013, la metà del cibo che viene prodotto nel mondo, circa 2 mld di tonnellate, finisce nella spazzatura, benché sia in gran parte commestibile", hanno sottolineato gli esperti. Fra le cause di questo spreco di massa ci sono le cattive abitudini di milioni di persone, che non conservano i prodotti in modo adeguato. Ma anche le date di scadenza troppo rigide apposte sugli alimenti, le promozioni che spingono i consumatori a comprare più cibo del necessario, i numerosi passaggi dal produttore al consumatore nelle catene di montaggio dei cibi industriali.

Ecco che esperti del ministero hanno elaborato dei consigli utili per ridurre lo spreco di alimenti.

1) Prima di fare la spesa, pianifica i pasti per tutta la settimana. Ricorda di controllare gli alimenti che già possiedi e scrivi una lista di quelli di cui hai bisogno.

2) Evita di entrare nel supermercato 'affamato': sei tentato di acquistare più del necessario.

3) Non farti attrarre dal miglior prezzo o da confezioni famiglia: scegli in base alle tue reali esigenze.

4) Leggi l’etichetta per essere informato sulla natura e la qualità dell’alimento e il modo migliore per conservarlo.

5) Conserva gli alimenti secondo le indicazioni fornite sulla confezione per evitarne un deterioramento anzitempo. Per gli alimenti conservati al freddo in frigorifero,ogni ripiano ha una sua temperatura che ti permette di conservare in maniera ottimale tutti i cibi.

6) Pratica il Fifo ('First-In-First-Out', cioè 'primo dentro primo fuori'). Quando sistemi la spesa, riponi gli alimenti appena acquistati dietro o sotto quelli già presenti nel frigorifero o in dispensa la cui scadenza potrebbe essere anteriore. In questo modo hai a portata di mano ciò che devi utilizzare per primo.

7) Presta attenzione alla differenza tra 'data di scadenza' che indica il limite oltre il quale il prodotto non deve essere consumato e 'termine minimo di conservazione' che indica che il prodotto, oltre la data riportata, può aver modificato alcune caratteristiche organolettiche come il sapore e l’odore ma può essere consumato senza rischi per la salute.

Anche quando si è fuori casa si può fare di più per diminuire allo spreco degli alimenti.

1) Se consumi alimenti con confezione non richiudibile, una volta aperti riponili in contenitori ermetici: manterranno più a lungo la loro freschezza.

2) Tieni frutta e verdura ben in vista. La frutta più matura può essere utilizzata per fare frullati o dessert mentre la verdura che inizia ad appassire può essere usata per gustose zuppe o minestre.

3) A tavola servi piccole porzioni: puoi saziarti assaporando anche altri piatti. Calcola le quantità adeguate per adulti e bambini;

4) Utilizza gli avanzi con gusto e fantasia! Puoi portarli a lavoro o a scuola o impiegarli per realizzare nuove ricette. Controlla la cucina: c’è sempre qualche alimento che hai trascurato, divertiti a cucinarlo per nuove ricette.

5) Controlla i tuoi rifiuti,ti aiuterà ad organizzare meglio la spesa. Se noti, ad esempio, che getti del pane ogni settimana è meglio acquistare una minore quantità o,in caso, congelare la parte in eccesso.

6) Se mangi fuori casa - infine - chiedi porzioni ridotte o dividi il piatto con un’altra persona in modo da non sprecarlo: spesso le porzioni sono davvero enormi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza