cerca CERCA
Martedì 31 Gennaio 2023
Aggiornato: 10:19
Temi caldi

Italiani contro francesi, dal derby del formaggio alla 'pax' del 19 marzo

25 febbraio 2015 | 17.34
LETTURA: 3 minuti

Nel 2011, la produzione italiana ha fatto segnare il primo sorpasso in termini di consumi rispetto a quella del Paese transalpino. Ora il 'gemellaggio' tra le due cucine con 'Goût de France/Good France'

alternate text

Formaggi italiani contro formaggi francesi, la rivalità è storica. Un derby tradizionale, da sempre consumato sulle tavole di tutta Europa, che negli ultimi anni sta vedendo risalire la posizione della 'nostra' produzione: nel 2011, ha fatto segnare il primo sorpasso in termini di consum i rispetto a quella del Paese transalpino, che Charles De Gaulle definiva come il Paese che ha più formaggi che giorni nel calendario. Per la prima volta, quattro anni fa, i francesi hanno consumato formaggi italiani più di quanto gli italiani hanno consumato quelli francesi.

Oggi, in un mercato fortemente globalizzato, esposto alla contaminazione di prodotti da ogni parte del mondo, la cucina italiana e quella francese firmano una 'pax' ormai consolidata. L'occasione viene offerta da una iniziativa intitolata "Goût de France/Good France" che mira a promuovere il turismo francese in tutto il mondo attraverso le sue prelibatezze: l'Italia si è attestata al primo posto come numero di chef partecipanti: circa 100 tra ristoranti e bistrot di qualità hanno aderito; e tra questi figurano nomi illustri come Andrea Berton, Giancarlo Perbellini, Andrea Fusco, Anthony Genovese, Roy Caceres, Angelo Troiani, Davide Scabin, Claudio Sadler, Danilo Ciavattini, Cristina Bowerman, Davide Oldani, Simone Rugiati, Valentino Marcattilii, Stefano Marzetti.

Tre degli chef che parteciperanno a Good France saranno selezionati dall’Ambasciatrice di Francia, Catherine Colonna, che prevede di aprire le cucine del palazzo Farnese, tre volte nel corso del 2015 in occasione di “Cucina aperta” e accogliere degli Chef italiani e la loro cucina. Gli chef avranno l’opportunità di proporre un loro menù italiano in Ambasciata. Con questo gesto, l'Ambasciata di Francia intende rendere un omaggio all'Italia per la qualità della sua cucina, della sua gastronomia e dei suoi valori condivisi di convivialità, in onore all'omaggio che sarà reso attraverso gli chef italiani il 19 marzo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza