cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 23:53
Temi caldi

Italiani risparmiatori on line, sale del 10% uso 'allerta prezzi'

09 giugno 2017 | 17.29
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma)

di Andreana d'Aquino

Gli italiani sono dei veri risparmiatori on line. Tanto che, se i consumi nel nostro Paese sono ancora stagnanti, a trainare gli acquisti sono tutte le nuove tecnologie legate all'e-commerce ed ora anche quelle che consentono di comprare risparmiando. "Abbiamo riscontrato un aumento dell'uso del 'price alert' fra gli italiani del 10% negli ultimi tempi. E questo sta trainando gli acquisti" segnala all'Adnkronos Fabio Plebani, Country Manager per l’Italia di Idealo, la piattaforma tedesca di comparazione dei prezzi che ha realizzato e portato anche da noi l'inedita funzione di 'allerta prezzi' a misura di consumatore.

La nuova strategia di acquisti consente risparmi sui prodotti dal 5 al 15%. E gli italiani si stanno dimostrando tra i primi in Europa nella caccia al 'prezzo giusto'. Presentata al grande pubblico nel nostro Paese solo a maggio scorso, in occasione del Netcomm di Milano, "la funzione 'prezzo ideale' si sta diffondendo in Italia e abbiamo anche un primo bilancio molto positivo" sottolinea Plebani, raggiunto telefonicamente a Berlino nel quartier generale dell'azienda tedesca.

La nuova funzione, spiega, "consente al consumatore di indicare sul portale il desiderio di risparmio del 5, 10 o 15% sul prodotto scelto, quindi si aspetta che il sistema calcoli e comunichi il momento perfetto per l'acquisto". Questa funzione, continua, "consente di pianificare gli acquisti e, se si aspetta da uno a due mesi, di risparmiare appunto fino al 15% sul prezzo". Un taglio dei costi "non da poco se, per esempio, ci serve un frigorifero".

"L'e-commerce è una via significativa per i consumi, ormai il 25% del fatturato di un negozio si basa sul commercio on line. Oggi -aggiunge Plebani- per un esercizio commerciale non avere un canale di vendita via web è come chiudere la porta d'ingresso ad un cliente su quattro". "Il prezzo è uno dei fattori al quale l'e-consumer italiano presta maggior attenzione, addirittura il 94% degli utenti ha dichiarato di confrontare i prezzi, online e offline. Per la caccia alla miglior occasione si utilizzano grandi colossi, come Amazon, i siti di e-commerce o i comparatori".

"Noi cerchiamo di avvicinarci il più possibile agli utenti per dare loro non solo l’offerta più vantaggiosa ma ora anche un servizio" evidenzia il nuovo Country Manager di idealo per l’Italia. In uno studio, riferisce, "abbiamo analizzato tutte le macro-categorie. Il consiglio che possiamo dare è indicare il proprio 'prezzo ideale' per tutti i prodotti che piacciono, creando delle short list e moltiplicando così le possibilità di risparmio".

Certo, avverte il manager, "può essere inserito qualunque prezzo ideale, ma il 'price alert' si attiva solo quando il prezzo indicato è effettivamente raggiungibile. Difficilmente si potrà avere un'attivazione a breve-medio termine con richieste di risparmio superiori al 20% del prezzo del prodotto". Secondo il nuovo studio di idealo, gli italiani che utilizzano un comparatore prezzi per lo shopping online possono risparmiare in media il 36,5% in più rispetto a chi non fa uso di questo strumento. E l'Italia risulta essere al primo posto per potenziale capacità di risparmio online tra gli altri paesi europei.

Al secondo posto si posiziona,invece, la Spagna, con il 33,5%, seguita dalla Francia, con una percentuale pari al 32,8%. Percentuali inferiori sono state registrate per gli abitanti di Regno Unito (31,8%), Austria (31,1%) e Germania (30%). Per gli e-consumer a caccia di risparmio, la strategia studiata dagli esperti del portale tedesco suggerisce che "comparare i prezzi non è solo osservare come questi possono variare da un e-shop ad un altro", ciò che è importante è "anche fare delle valutazioni che riguardano il legame tra tempi di messa online di un prodotto e andamento dei prezzi".

E sul web il tempo dei 'saldi' varia da prodotto a prodotto. Per gli amanti della tecnologia e gli 'smartphone addicted', l’analisi mostra come sia possibile godere di un risparmio medio del 5% dopo circa due settimane dal lancio di un prodotto, la percentuale diventa del 10% se si attendono ancora una o due settimane e addirittura del 15% dopo circa due mesi. Non avere fretta fa risparmiare anche sui prodotti legati allo sport. Tra scarpe da corsa, caschi da moto o orologi sportivi, secondo gli analisti di idealo si potrà godere di un risparmio medio del 5% dopo 20 giorni circa dal lancio e, dopo due mesi o poco più, è fattibile un risparmio del 10-15%.

Sui prodotti per la casa per ottenere risparmio medio del 10% bisogna aspettare 30 giorni, altre tre settimane per arrivare ad un taglio del 15%. Fotografi professionisti o fotoamatori potranno ottenere un risparmio medio del 5% già dopo due settimane dal lancio di un prodotto e, con qualche giorno in più di attesa, un ribasso del 10-15%.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza