cerca CERCA
Mercoledì 28 Settembre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Italicum, Letta: ''Domani voterò contro. Sulle regole Renzi come Berlusconi''

03 maggio 2015 | 16.26
LETTURA: 3 minuti

Ospite di 'In mezz'ora', l'ex premier all'attacco del presidente del Consiglio: ''Non condivido il metodo, il percorso e i contenuti''. Cuperlo: ''Domani non voterò Italicum. Non chiederemo voto segreto''. Renzi: ''Possono mandarci a casa, ma non fermarci"

alternate text
Enrico Letta ospite di Lucia Annunziata

"Domani voterò contro" la legge elettorale, "perché non condivido il metodo, il percorso e i contenuti". L'ex premier Enrico Letta, ospite di 'In mezz'ora' su Raitre, va all'attacco del governo Renzi, nel giorno in cui il premier parla di ''settimana splendida'', assicurando che sulle riforme nessuno potrà fermarlo e alla vigilia del voto finale sull'Italicum in programma domani alla Camera.

ITALICUM PARENTE STRETTO DI PORCELLUM - ''L'Italicum è un parente stretto del 'Porcellum' che eleggerà più della metà dei parlamentari scelti dai partiti", afferma Letta. Quanto alla decisione di mettere la fiducia sulla riforma elettorale, l'ex premier si è detto ''sorpreso da questa accelerazione, non me l'aspettavo''. ''Penso che lo abbia fatto perché nel suo racconto al Paese c'è sempre questa idea che lui decide e gli altri non decidevano. Penso che sia giusto quando c'è in ballo l'economia, la scuola, il lavoro'' ma "sulle regole del gioco bisogna decidere tutti insieme".

SU REGOLE RENZI COME BERLUSCONI - ''Per me è assolutamente fondamentale la linearità e la coerenza - attacca - abbiamo accusato Berlusconi di aver introdotto di fatto un cambiamento nel nostro sistema per cui chi ha la maggioranza di governo si fa la sua legge elettorale, si fa le regole del gioco come vuole lui avendo la maggioranza e abbiamo detto mai più. Oggi il centrosinistra e il Pd sta facendo esattamente la stessa cosa".

NON MI SCANDALIZZO SE MATTARELLA FIRMA - Ma "non mi scandalizzerò se Mattarella firma" l'Italicum, "perché una cosa è dire non è opportuno politicamente approvare una legge elettorale a maggioranza, altra cosa è riscontrare dei contrasti con la sentenza della Corte costituzionale che ha abolito il Porcellum. Su questo c'è una grande discussione in corso".

CUPERLO: 'DOMANI NON VOTERO' ITALICUM' - Sulla linea del no anche il parlamentare della minoranza Pd Gianni Cuperlo. ''Domani non esprimerò un voto favorevole a questa legge elettorale poi decideremo assieme anche ad altri deputati del Pd se non partecipare al voto o esprimere un voto contrario", ha detto a margine della festa dell'Unità di Bologna. Una posizione chiara, ''non ci sarà nessun agguato - assicura - tutto deve avvenire alla luce del sole, non abbiamo chiesto il voto segreto e se fosse possibile evitarlo sarebbe anche meglio''. Ma il voto contrario all'Italicum per Cuperlo non prelude a una scissione del Pd. "Per quanto mi riguarda no, nessuna scissione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza